Resta in contatto

Rassegna Stampa

Ora Borja Mayoral vuole Firenze. Il Real: solo cessione, no al prestito

Mayoral

Lo spagnolo strizza l’occhio alla Viola

Nella scorsa stagione 17 gol e 7 assist in 45 partite, il rinnovo del prestito a Roma e poi una vita improvvisamente scivolata in periferia senza feeling con Mourinho, né ultimamente possibilità di giocarsi un posto da titolare o perfino da riserva, insomma un problema serio: Borja Mayoral si confida con gli amici e spiega che dappertutto vorrebbe trovarsi, fuorché in una squadra che non lo considera.

Per questo spera di poter traslocare da Roma a gennaio, sapendo che lo cercano in Premier (Crystal Palace) e in Italia (Fiorentina). La seconda possibilità è nettamente la più gradita e numerosi sono stati gli scambi di confidenze con Odriozola, ex compagno nel Real, e altri amici fiorentini della cerchia spagnola. Il tono dei messaggi è ultra possibilista, Borja in alcuni di questi ha confidato anche la propria ammirazione per Vlahovic, definito fortissimo.

Gli piacerebbe giocare insieme a lui (ipotesi possibile, se dovesse arrivare a gennaio, anche se nel 4-3-3 la convivenza sarebbe difficile) e comunque le idee di Italiano piacciono molto a un giocatore che ha frequentato il calcio a livelli alti. C’è un problema è si chiama formula del trasferimento: il Real Madrid pretende la cessione definitiva (non il prestito) e la cifra probabilmente trattabile per il cartellino è di 15 milioni. Lo scrive “La Nazione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa