Resta in contatto

Rassegna Stampa

Conti: “Galeazzi un grande amico, era in mezzo a noi per lo scudetto dell’83”

L’intervista dell’ex calciatore della Roma

Bruno Conti ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera. Il tema principale non può essere altro che la scomparsa di Giampiero Galeazzi, noto giornalista sportivo italiano, avvenuta ieri:

“Giampy era un mio amico, una persona con cui ho condiviso i momenti più belli della mia vita da calciatore. Siamo cresciuti insieme, io come calciatore e lui come giornalista. È stato un percorso parallelo”.

Entrambi facevate parte di un calcio di altri tempi..

“Di Giampiero ho un ricordo stupendo, era un periodo in cui i giornalisti entravano nello spogliatoio e c’era un rapporto diretto. Non si organizzavano conferenze stampa, ma a fine partita si entrava direttamente nello spogliatoio. C’erano una spontaneità, un’allegria, un rispetto delle situazioni che oggi non si vedono più”.

Ha raccontato anche del vostro scudetto del 1983..

“Me lo ricordo a Genova in mezzo a noi che festeggiavamo, e poi la settimana dopo all’Olimpico contro il Torino con Falcao e con Agostino”.

La sua fede non ha condizionato il rapporto? 

“Mai. Non l’ha mai fatto pesare, non ha mai fatto una battuta fuori luogo magari dopo una sconfitta. Quando eravamo insieme non contavano Roma e Lazio, era un amico e non un rivale”.

Un rapporto di amicizia che si è rinsaldato in occasione dei mondiali in Spagna nel 1982.. 

“Voglio raccontare un aneddoto. Durante il ritiro in Spagna, prima che poi la squadra entrasse in silenzio stampa, quasi tutti i giorni uscivo dal ritiro per portargli un piatto di pasta cucinata dallo chef della Nazionale. Eravamo così, avevamo un rapporto diretto e lui non si arrabbiava mai, qualsiasi cosa succedesse”.

Galeazzi ha regalato emozioni non solo ai tifosi di calcio.

“Ci ha emozionato sempre, con gli Abbagnale, con il tennis, con il calcio. Ci ha lasciato un grande del giornalismo e dello sport italiano”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa