Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Contro lo Zorya ritornerà Zaniolo: lo Special deve scegliere il modulo

Torna Nicolò, ora Mou deve scegliere lo schieramento tattico

Il Genoa è già alle spalle, la Roma adesso pensa soltanto alla Conference League. Giovedì sera all’Olimpico arriva lo Zorya, squadra ucraina che i giallorossi hanno battuto all’andata per 3-0 senza troppi problemi. Purtroppo per Mourinho non ci sarà la stella di Marassi, Felix Afena Gyan: lo Special One lo avrebbe schierato volentieri titolare per ripagarlo della doppietta in Liguria e far riposare un attaccante, ma il diciottenne ghanese a inizio stagione non era stato inserito nella lista per la competizione europea e sarà costretto a pensare già alla sfida di domenica contro il Torino. Per uno che esce, un altro che entra. Nicolò Zaniolo è pronto a a tornare titolare dopo due partite di stop. Il talento giallorosso contro il Venezia aveva giocato soltanto i tredici minuti finali del match, mentre a Marassi ha osservato tutta la partita da bordocampo, tra un riscaldamento e l’altro.

Zaniolo si è messo a disposizione del gruppo, niente del suo comportamento ha fatto intravedere malumore o disagio per le due sue panchine abbastanza sorprenderti, anzi, è stato il primo a correre verso il compagno di squadra per abbracciarlo ed esultare con lui. Giovedì si riprenderà un posto da titolare, o accanto ad Abraham come seconda punta, o come trequartista centrale nel 3-4-1-2, oppure come esterno tornando al 4-2-3-1. Lo scrive Il Corriere dello Sport. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa