Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Skrypnyk: “Roma forte, ma la classifica ci dà coraggio”

Le parole dell’allenatore dello Zorya in vista della sfida contro i giallorossi: “Non sarà semplice per noi se non ci aspettiamo un risultato positivo”

Il tecnico dello Zorya Luhansk, Viktor Skrypnyk, ha parlato in conferenza stampa allo stadio Olimpico alla vigilia della sfida contro la Roma. Ecco le sue parole.

Il match?
“Abbiamo visto la forza della Roma nel match d’andata. Certamente, loro sono favoriti, ma se guardiamo la classifica, ci dà coraggio. Non sarà semplice per noi se non ci aspettiamo un risultato positivo. Per farlo dobbiamo gettare il cuore oltre l’ostacolo, come si dice. Credo che la mia squadra possa farlo”.

Lunev è rimasto a casa: cosa è successo?
“Sono cose banali. Maxim, che ha fatto bene in quest’ultimo mese, ha un infortunio che gli ha fatto saltare il viaggio a Roma. Per alcune settimane non lo vedremo in campo sfortunatamente. Gli altri stanno bene, e Nikita Shevchenko sta continuando nel suo percorso di recupero. Siamo una buona squadra e lo mostreremo domani in campo”.

Seguirete anche il match tra Bodø e CSKA?
“Sicuramente riceveremo informazioni, ma se diamo il massimo, tutto dipenderà da noi e non dovremo contare su nessuno. Dobbiamo fare il nostro gioco e poi guardare la classifica, dopo il match. Non è l’ultima gara, ne abbiamo un’altra in casa. Ogni squadra che scende in campo vuole vincere e la mia non fa eccezione”.

Ci sarà qualche cambio di formazione?
“Abbiamo avuto due settimane di stop prima del match contro il Lviv. Giocheremo al massimo, magari ci sarà un po’ di stanchezza, ma quando scendi in campo ogni acciacco viene dimenticato. È un sogno giocare in uno stadio così bello, con una squadra prestigioso e un tifo infernale, un sogno per tutti e non solo per i giocatori più giovani, ma anche per i veterani. Siamo orgogliosi di essere que e guardiamo al match di domani. Vogliamo rappresentare con dignità l’Ucraina e lo Zorya”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

Il tedesco che volava sotto la Curva Sud

Rudi Voeller

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario