Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

La sottile linea rossa

Oggi la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Il calcio italiano è in prima linea

Sul volto dei calciatori. Sulle labbra delle loro compagne. Sensibilizzare con le parole è bene, farlo con i gesti è meglio. Oggi il mondo celebra la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Difficile accettare che ci sia una giornata dedicata a questo tema, eppure è così.

Una donna su tre ha subito violenza in vita sua almeno una volta. I numeri parlano chiaro, come è chiara la voglia del calcio italiano di schierarsi in prima linea in questa battaglia. Tante iniziative lodevoli, anche più di farsi un segno rosso sul volto, ma il potere comunicativo del pallone è enorme e deve essere senz’altro sfruttato.

Sono giorni che vedete i vostri beniamini dipingersi un segno rosso sul volto. Lo faranno anche nel prossimo weekend di Serie A e giocheranno con quel segno ben visibile in viso.

Volti e pallone. In Serie B l’iniziativa è diversa, ma allo stesso modo importante. Si è voluto dare un messaggio di sensibilizzazione attraverso lo strumento principale del gioco del calcio, il pallone, che per l’occasione (la giornata che inizierà domani alle 18:00) muterà la sua versione ufficiale e sarà contraddistinto da loghi rossi, il colore simbolo usato per rappresentare le vittime di violenza e femminicidio.

Serie A e Serie B unite nel lanciare un messaggio forte e chiaro, con la speranza che un giorno non occorra più ideare queste iniziative. Vorrebbe dire aver vinto la partita più importante.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News