Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 27 novembre 1994: la Roma vince 3-0 il derby. Mazzone sotto la Curva Sud (FOTO/VIDEO)

In questo giorno di 26 anni fa Balbo, Cappioli e Fonseca stendono i bianco-azzurri. Mazzone corre sotto la Curva Sud dopo il triplice fischio

Domenica 27 novembre 1994 è il giorno di Lazio-Roma, con tutti i favori del pronostico a favore dei bianco-azzurri di Zeman e con la Roma di Mazzone descritta da tutti come vittima sacrificale predestinata.

Pronostico della vigilia totalmente sovvertito con uno 0-3 senza appello, firmato da Balbo, Cappioli e Fonseca, con Mazzone che al fischio finale, da romano e romanista, corre a festeggiare sotto la Sud facendo il segno “3” con le dita. La gara del 27 Novembre del 1994 viene ricordata anche per la splendida coreografia della Curva Sud: stemma della Roma gigante con in basso la scritta “C’E’ SOLO L’A.S.ROMA”.

Gara subito di marca giallorossa con la Roma che al 25′ è già in vantaggio 2-0 grazie ai gol di Balbo dopo 2′ di gioco che di testa insacca uno splendido cross di Fonseca e del romano Cappioli che insacca sotto la traversa su assist di Moriero.

Il definitivo 0-3 porta la firma di Fonseca che al  6′ del secondo insacca su assist di capitan Giannini. Al triplice fischio finale dell’arbitro Boggi  si scatena la gioia giallorossa con Mazzone che si rende protagonista della storica corsa verso la curva Sud.

TABELLINO

LAZIO: Marchegiani, Negro, Favalli (56′ Cravero), Di Matteo, Bergodi, Chamot, Rambaudi, Fuser, Boksic (11′ Casiraghi), Winter, Signori.
A disp.: Orsi, Bacci, Venturin.
All. Zeman.

ROMA: Cervone, Aldair (82′ S.Benedetti), Lanna, Piacentini, Petruzzi, Carboni, Moriero (67′ Annoni), Cappioli, Balbo, Giannini, Fonseca.
A disp.: Lorieri, Maini, Totti.
All. Mazzone.

Arbitro: Boggi (Salerno).

Marcatori: 2′ Balbo, 25′ Cappioli, 51′ Fonseca

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord