Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il nuovo Carles Perez? Mezzala imprevedibile

Anche lo spagnolo ha giovato della nuova posizione che gli ha ordinato Mourinho

L’abbiamo sentita davvero, giovedì all’Olimpico: ma chi è, Messi? Viene da sorridere, teneramente, ma la verità è che Carles Perez, con quelle movenze e quei dribbling sul breve ha saputo finalmente proporre, contro i modesti ucraini, una serie di giocate che aveva imparato alla scuola del migliore, da cadetto del Barcellona. La più bella è stata la serprentina che ha generato il rigore, poi sbagliato da Veretout: uno slalom preciso, chirurgico, efficace. In confronto il piattone di destro nemmeno il suo piede, con il quale aveva portato in vantaggio la Roma su assist di El Shaarawy è sembrato una bazzecola. E non lo era affatto.

Carles Perez è sembrato paradossalmente più a suo agio nel ruolo inedito di mezz’ala. Dialogando con centrocampisti che conoscono la materia, tipo Mkhitaryan, ha garantito il giusto concentrato di corsa e qualità che serve agli specialisti del ruolo. Certo, bisogna sempre parametrare lo sforzo alla caratura dell’avversario. Ed è molto difficile che Mourinho lo riproponga in quella posizione contro il Torino, almeno dall’inizio. Ma intanto quel numero 11 dal fisico compatto e dal sinistro educato ha dimostrato all’allenatore e alla tifoseria di essere un cambio affidabile, dopo quasi due anni di spezzoni insignificanti e qualche lampo isolato. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa