Resta in contatto

Rassegna Stampa

Operazione Qatar: idea Joao Pedro, tornerà Spinazzola. Zaniolo e Tonali nomi per ripartire

A marzo servirà un’altra Nazionale per andare in Qatar a fine 2022

Ci vorrebbe un “amico” un centravanti, ma la verità è che dalla sera in cui Spinazzola ha urlato di dolore mentre squarciava per l’ennesima volta il Belgio—a Monaco nei quarti dell’Europeo— non abbiamo più vinto al 90’. O meglio, abbiamo vinto, ma ancora contro il Belgio (nella “finalina”di Nations League) e contro la minuscola Lituania. Non è un’equazione matematica, ma un indizio difficile da smentire: l’esterno della Roma era la chiave di Mancini, faceva giocare in dodici, attaccante e difensore al tempo stesso.

Se a marzo lo ritroviamo, sarà un’Italia molto diversa da quella un po’ depressa post-Europeo. Comincia oggi la missione Qatar: con l’operazione recupero. Meglio che gli spareggi siano a marzo. L’attesa logora, ma così speriamo di riavere, o aggiungere, giocatori decisivi.

Spinazzola è il vero big. L’altro, sempre da Roma, è Zaniolo: quello vero, devastante, sarebbe la svolta dell’attacco. In attesa di notizie sulla crescita di Raspadori e Scamacca, il mal di pancia azzurro è al centro dell’attacco. E la paura che si è impadronita dell’ambiente ha velocizzato improvvisamente pratiche seppellite da tempo e mai aperte: Luiz Felipe e Joao Pedro. Il regolamento lo consente. Abbiamo vinto un Mondiale con Camoranesi e un Europeo con Jorginho. Anche le altre nazionali schierano “acquisti” del genere. La perplessità può essere sull’esperienza del cagliaritano non abituato a scenari internazionali.

Il centrocampo era fino a ieri il reparto degli intoccabili; Jorginho–Verratti più Barella, con Locatelli quarto titolare e Pessina–Cristante primi a subentrare. Verratti dovrà dribblare altri infortuni e Jorginho deve ritrovarsi. Però Tonali sta crescendo da leader, Pellegrini gioca la sua miglior stagione, e la rosa si infoltisce con Cataldi, Pobega e magari Frattesi. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa