Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zalewski: “Mourinho ti fa crescere. Sognavo la maglia della Roma da bambino. I social? Non sbaglio più”

Zalewski Polonia

Le dichiarazioni del talento italo-polacco al Corriere dello Sport

Mourinho ha creduto in lui e ha deciso di trattenerlo alla Roma. Poche presenze finora, ma Zalewski sembra avere la stoffa del campione. Il giocatore si è raccontato al Corriere dello Sport. Ecco la sua intervista:

Cominciamo da Mourinho. Cosa vuol dire avere l’allenatore del Triplete nerazzurro, dei mercati milionari e dei campioni, per poi scoprire che la carta d’identità non conta se sei bravo. E allora giocano anche Zalewski, Felix, Missori, Bove. Quindi? 

“Dovrebbe essere la normalità dare un’opportunità a uno bravo anche se è giovane. Ecco, Mourinho lo fa. Dal primo mi ha parlato, ci ha parlato, dicendo che se avessimo meritato avremmo avuto il nostro spazio e spingendo sugli atteggiamenti in campo e fuori sulle motivazioni: trattandoci da calciatori, non da giovani calciatori. E forse questo fa la differenza, ti fa crescere”.

Giovedì sei partito da esterno sinistro alto e poi il tecnico ti ha accentrato da mezzala. Qual è il tuo ruolo?

“Quello che mi chiede il tecnico. Io esterno sinistro alto, mezzala sinistra, trequarti, mi adatto: è lui che mi ha detto di essere pronto a cambiare. Poi se devo dire il ruolo in cui mi trovo più a mio agio è quello da esterno sinistro alto”.

Perché la nazionale polacca e non l’Italia? 

“Perché io mi sento polacco”.

C’è un episodio di inizio ottobre, un video diventato virale che ti ha procurato qualche guaio. Da allora è cambiato il tuo rapporto con i social? 

“Intanto devo ringraziare la società che quell’episodio lo ha risolto in un attimo. Penso di essere maturato molto dopo quel fatto: l’importante è stare attenti alla gente che ti circonda e non solo a te stesso. Il mio problema, in quella situazione, è stato questo”.

Con Lorenzo Pellegrini ti unisce anche lo stesso manager, la stessa società di gestione. Che rapporto avete, che capitano è?

“Con Lorenzo ho un buonissimo rapporto. Ma lui lo ha con tutti, perché è una persona eccezionale oltre che un grande capitano. L’atteggiamento che ha è sempre lo stesso, anche quando non gioca: nello spogliatoio lo senti e usa sempre le parole giuste. Il ruolo di capitano ce l’ha cucito addosso”.

Siete parecchi, da questa Primavera, ad essere saliti. Tutti “figli” di Alberto De Rossi. 

“Ho imparato tanto da ogni mister che ho avuto, certo è che De Rossi è stato determinante negli ultimi due anni, quelli che ti dicono se puoi fare il salto: mi ha aiutato a interpretare più ruoli”.

Come sei arrivato alla Roma? 

“A 9 anni, giocavo a Poli, poi a Zagarolo, feci un provino con la Tor Tre Teste e credevo fosse tutto fatto. E invece arrivò la Roma: mi hanno detto che Stefano Palmieri (uno degli uomini di fiducia di Bruno Conti, allora responsabile del settore giovanile) era venuto a un torneo. Tutto è iniziato così”.

C’è la Roma nel futuro di Zalewski? 

“Io questa maglia in prima squadra la sognavo da bambino. Poi so che le cose si fanno sempre in due. Dovrà volerlo anche la Roma, oltre me”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa