Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, Mkhitaryan ed El Shaarawy rigenerati dal cambio di modulo

In tre rigenerati dalla svolta tattica di Mourinho

In attesa di qualche rinforzo dal mercato di gennaio, in una fase di grande difficoltà a causa di infortuni, squalifiche e positività al Covid, José Mourinho sta recuperando alla causa romanista alcuni calciatori che potranno rivelarsi fondamentali nella stagione giallorossa. Il passaggio forzato al 3-5-2 non fa impazzire il portoghese, che ha annunciato il ritorno alla difesa a 4 non appena sarà possibile. Magari non dalla gara di domani pomeriggio contro il Torino, visto che il centrocampo è da inventare, ma molto presto si tornerà all’antico: è innegabile, però, che ci siano alcuni calciatori che stanno beneficiando del cambio di modulo. La trasformazione più evidente è quella di Mkhitaryan: sgravato da compiti di copertura sulla fascia sinistra e riportato nel cuore della manovra romanista, l’armeno ha recuperato lucidità e aggiunto qualità al gioco. Suo l’assist per il primo gol di Felix a Genoa, si è ripetuto ad un livello altissimo anche contro lo Zorya.

Altro calciatore rigenerato è El Shaarawy. “Su questa strada“, ha scritto sui social il Faraone. Tolta la ruggine che si era riportato dietro dalla Cina, l’ex milanista si è preso il posto da titolare e ha sorpreso tutti, in primis Mourinho che lo ha elogiato pubblicamente, nel ruolo di esterno a tutta fascia. Il protagonista assoluto del match con lo Zorya è stato però Nicolò Zaniolo. Schierato come seconda punta al fianco di Abraham, ha sfornato gol e assist ma non solo. L’ex interista ha mostrato uno strapotere fisico che non si vedeva da tempo, da prima del primo infortunio al ginocchio. La sensazione è che abbia delle potenzialità inesplorate e che non abbia ancora trovato un ruolo definitivo: in questo senso non può esserci per lui una guida migliore rispetto a Mourinho, che fuori dal campo gli riserva bastone e carota mentre in campo, avvicinandolo alla porta avversaria, può davvero fare un favore a se stesso, al calciatore e anche a Roberto Mancini in chiave Nazionale perché Zaniolo può diventare il crack della stagione sia come uomo assist sia come realizzatore. Lo scrive Il Corriere della Sera.
Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa