Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho: “Questo successo è più bello di un 5-0”

La soddisfazione del tecnico giallorosso dopo il successo di ieri

Più bello di un 5-0“. La Roma manda novembre in archivio con tre successi di fila e dimostra nella battaglia fino all’ultimo sospiro con il Torino di essere riuscita ad assorbire lo spirito di Mourinho, pronto a caricare i giocatori su ogni palla e ad esultare insieme al gruppo al tanto agognato fischio finale di Chiffi. “Sono molto contento dei miei ragazzi, è una vittoria del gruppo” le parole del tecnico portoghese, che è prodigo di complimenti per il gruppo di Juric: “Non era programmato vedere una squadra così bassa. Pensavo di poter fare un gol di più e respirare in modo diverso. Questa è una vittoria di sforzo e concentrazione. Quando la partita finisce così, con noi tutti in marcatura, mi piace tanto“.

La brutta notizia della serata è il ko dopo pochi minuti di Pellegrini. Il capitano ha capito subito l’entità del danno al quadricipite della gamba destra e ha chiesto immediatamente il cambio, con Mou che fa intendere come il timore di una lesione che lo terrebbe fuori fino alla fine dell’anno sia concreto: “Purtroppo Lorenzo sarà fuori per qualche settimana ma il gruppo è forte“. L’allenatore fa i complimenti a tutti i suoi giocatori (“Mkhitaryan è stato tremendo, veniva ammazzato dai giornali)”, sottolineando in particolare il merito delle secondo linee nell’ottenere tre punti, arrivati grazie al quarto acuto in campionato di Abraham: “Amo questo club fin dal primo giorno, mi sento a casa. Non c’è niente di più bello – sorride il centravanti – di segnare davanti a questo pubblico“. Non c’è tempo di riposare: oggi alle 12 ripresa in vista del Bologna. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa