Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cappioli: “Mourinho sa come portare la Roma alla vittoria”

Le parole dell’ex centrocampista giallorosso al sito ufficiale del club: “Con Josè è possibile cambiare la storia”

Ha giocato nella Roma, nella sua Roma, vestendo la maglia che ama 110 volte. Non solo, ha segnato al Derby, sotto la Sud, senza contare le 243 partite complessive in Serie A. E per una stagione, nel 1998-99, ha vestito anche la maglia del Bologna.

“Nessun rimpianto, nessun rimorso”, cantavano gli 883. Potrebbero essere le parole ideali da dedicare a Massimiliano Cappioli. Centrocampista a tutto campo, oggi verrebbe definito “box to box”. Quando il “Cappio” decise di smettere con il calcio giocato, lo fece con naturalezza. “Ero felice quando nel 2004 mi fermai. Avevo raggiunto tutti i miei obiettivi”.

“Ovvero, di giocare nella Roma, poi segnare al Derby sotto la curva Sud. E una volta finito, il mio sogno era di andare a vivere su un’isola. Ho fatto anche quello, stabilendomi gran parte dell’anno a Bali, in Indonesia, con la mia compagna. Faccio un po’ e un po’ con Roma”.

Quando torna a Roma, va a vivere ad Ostia dove è nato e cresciuto?
“Sì, vicino a Ostia. Sto all’Infernetto. Sempre a due passi dal mare. In questo momento sto a Roma, vediamo quando poter ripartire anche in base alla situazione della pandemia che stiamo vivendo. Proviamo dopo Natale. Pare che vogliano richiudere tutto…”.

Come ha vissuto questi due anni così complicati per tutti?
“Con tanta paura, apprensione per i genitori, ansia di contagiare il prossimo in ogni momento. Non è un bel periodo, speriamo di uscirne prima o poi”.

La Roma la segue ancora?
“Certo, che domande. La Roma la vedo sempre, ogni partita”.

Non è una cosa scontata tra i suoi ex colleghi.
“Vero, c’è chi smette e poi decide di dedicarsi ad altro. Io quando gioca la Roma, sto sempre lì davanti”.

Le piace la squadra che sta plasmando José Mourinho?
“Mi piace, sì. Ha avuto un ottimo inizio, poi qualche difficoltà, ora si sta riprendendo e sta ottenendo altri risultati importanti. È una squadra forte, ma per fare un ulteriore passo in avanti serve qualcosa in più come richiesto dallo stesso allenatore. Servono quantità e qualità per completare al meglio questa squadra. Lui sa come si fa per vincere”.

È un tecnico da 25 titoli in carriera.
“Non si vincono per caso. Mourinho ha personalità, carisma, esperienza, sa come plasmare un gruppo per portarlo alla vittoria. Va seguito e accompagnato. A Roma non si è vinto tanto nella storia, si deve cambiare questo fatto. E con lui è possibile”.

A pensarci, un Cappioli ci starebbe sempre bene in ogni squadra, anche in questa.
“Più che un Cappioli, ci vedrei meglio un altro Totti o un altro Nainggolan. Però anche io nella Roma ho fatto la mia parte, dài…”.

Pochi giorni fa è stato il 27 novembre. Pensa a quel Derby del 1994 ogni volta che cade la ricorrenza?
“E come potrei non pensarci ogni anno? Anche se è passato tanto tempo, purtroppo. Fu la partita perfetta. Per me e per la Roma. Vincemmo 3-0, il mio gol del 2-0 fu sotto la Sud. Un sogno che riuscivo ad avverare. Poi il terzo gol nella ripresa a rendere magico quel risultato con il colpo di testa di Fonseca su assist di Giannini. È stato detto più volte, ma è giusto ribadirlo, Mazzone ci caricò per bene nella settimana che ci portò alla partita. E il merito di quel successo va dato a lui”.

Mazzone è stato un allenatore cruciale per lei.
“Decisivo. Mi ha valorizzato a Cagliari, poi mi ha voluto a Roma, dandomi la possibilità di vestire la maglia che amo, e poi mi ha cercato anche quando ha allenato Bologna e Perugia. Gli vorrò sempre bene”.

A proposito, Bologna che capitolo è stato della sua carriera?
“Una sola stagione, quella del 1998-99, ma bella. Intensa. Vincemmo l’Intertoto, poi arrivammo fino alla semifinale di Coppa UEFA perdendo in modo beffardo con il Marsiglia”.

Con qualche tensione nel finale, pure.
“Diciamo così, sì… Prendemmo un sacco de botte in casa… (ride, ndr). Ma Bologna è una piazza tranquilla. Non erano abituati a un fatto del genere. Fossimo stati a Marsiglia, sarebbe stata ancora più dura per noi. Cose di campo, comunque, che nel calcio possono capitare”.

Una curiosità, digitando “Cappioli” nella barra di ricerca dell’archivio storico di foto del Club, escono 124 risultati. Qualcosa significa, no?
“Eh, se ne pubblicate qualcuna, mettete soprattutto quelle del derby del 3-0, mi raccomando…”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News