Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Mihajlovic: “Siamo stati fortunati, abbiamo fatto una grande fase difensiva”

Le parole del tecnico del Bologna al termine del match

Sinisa Mihajlovic ha parlato al termine di Bologna-Roma, gara vinta dalla sua squadra. Queste le sue parole ai microfoni di Dazn:

Avete difeso bene, grande partita. Secondo tempo potrvate ripartire meglio, quanto sei preoccupato di Arnautovic?

Nelle ripartenze abbiamo sbagliato le scelte. Abbiamo fatto una grande fase difensiva. Domani farà un esame Marko, ma non siamo ottimisti. Con lui sarebbe stato diverso. Non abbiamo cambi. Giocare 3 partite in una settimana bisogna recuperare forze fisiche e mentali, domenica ci aspetta una squadra importante e in salute.

Può essere contento della fase difensiva. I 3 difensori hanno fatto una ottima prova…

Abbiamo fatto bene, non sarebbe finita 1-0. Anche Hickey e Skov che si è applicato tanto. I tre centrocampisti hanno fatto grandi sforzi. Noi dovevamo scappare via prima e abbiamo fatto bene.

Il palleggio difensivo del Bologna con una maturità diversa

Noi giochiamo sempre, poi non esageriamo quando non si può. Quando c’è spazio lo facciamo e bene. Noi dobbiamo recuperare energie quando abbiamo palla tra i piedi, quando la hanno gli altri dobbiamo correre. Dobbiamo gestire bene alcune fasi, abbiamo tenuto di più. L’abbiamo mossa bene coi tre difensori.

Lei ci ha detto che sperava che non vincesse il migliore è stato così?

Lui è il migliore, anche la squadra è migliore. Ma non vince sempre la squadra migliore. Noi lo sappiamo bene. Il calcio è bello perchè non è scontato. Abbiamo preparato bene, gestito bene anche se in certe situazioni siamo stati fortunati. Bisogna anche meritarselo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario