Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Il silenzio di Mourinho

Lo Special One annulla la conferenza stampa

Avrebbe voluto giocarla in ben altre condizioni. Una partita speciale che adesso rischia di diventare “vitale”. Roma–Inter di domani per Mourinho non è soltanto il suo primo incrocio da ex contro la squadra con cui ha scritto la storia in Italia e in Europa, ma è anche la missione impossibile dei giallorossi per restare aggrappati al treno Champions.

Con Abraham e Karsdorp squalificati, a Spinazzola e Pellegrini già infortunati e a Villar e Felixindisponibili causa Covid (piccole speranze solo per lo spagnolo) si è aggiunto El Shaarawy, fermato a Bologna da una lesione di primo grado al polpaccio destro.

Il danno muscolare non è grave ma il punto interessato costringe i medici alla cautela massima. Per cui il Faraone salterà certamente la gara di domani con l’Inter, quella di Sofia in Conference League e lo Spezia lunedì 13, mentre conserva qualche speranza di rientrare almeno per le gare finali del 2021.

Insomma Mourinho si ritrova una squadra dimezzata e priva di esterni da schierare nel 3-5-2, situazione che potrebbe convincerlo a tornare al 4-2-3-1.  L’ipotesi è Ibañez terzino destro , Viña dalla parte opposta, Smalling confermato al centro insieme a Mancini, la coppia Veretout-Cristante che si ricompone al centro, Mkhitaryan avanzato da trequartista. Gli esterni d’attacco sarebbero i mancini Carles Perez e Zaniolo (chi gioca a sinistra?), mentre Shomurodov prenderebbe il posto di Abraham.

Dopo lo sfogo nel post-partita di Bologna, a protezione della squadra e soprattutto di Zaniolo finito ieri in diffida, Mourinho ha deciso di non parlare oggi alla vigilia del match. Annullata la conferenza stampa di Trigoria su decisione del tecnico, che non vuole spostare l’attenzione dalla gara e preferisce evitare riferimenti al suo passato prima di affrontare il match. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa