Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Materazzi: “Mourinho è lo stesso di sempre. Roma non è una piazza facile”

Le parole dell’ex difensore nerazzurro

Da mesi, poi, c’è un misto di eccitazione e curiosità per questa sfida: cosa si proverà a incrociarlo per la prima volta da rivale? Se lo chiedono persone che hanno condiviso con lui la cavalcata del 2010. Marco Materazzi era in campo e Lele Oriali lo accompagnava in panchina. Queste le parole dell’ex difensore a “La Gazzetta dello Sport”.

Marco Materazzi, un altro Roma-Inter con Mourinho di mezzo: che cosa le torna alla mente?
“La finale di Coppa Italia 2010: José si infuriò perché prima della partita suonarono l’inno della Roma: erano loro in casa, non poteva farci niente, ma era quello il suo particolare modo di spronarci. Nessuno sa giocare sulla psicologia come lui e poi aveva costruito una squadra che era più forte di tutte le avversità”.

Ma a Roma c’è ancora quel Mourinho là?
“Lui è lo stesso di sempre, per me non è cambiato. Adesso è in una piazza diversa, non facile ma stimolante: è come se fosse un “reset” nella carriera ed è chiaro che, al di là di questa partita in cui siamo avversari, tutti facciamo e faremo sempre un po’ di tifo per lui”.

Ma cosa ci sarà nel cuore di Mou prima di questa sfida?
“Nel suo cuore c’è giustamente solo la Roma: è un dipendente del club, un professionista, e vorrà vincere. Proverà quello che provano tutti gli interisti: amore e ricordi fino al fischio iniziale, poi sarà battaglia”.

Come finirà per lei?
“Non me ne voglia nessuno, ma tra le due rose c’è una certa differenza. L’Inter è più profonda e adesso ha trovato una fisionomia definitiva. E sin dall’inizio pensavo che senza quattro o cinque innesti importanti per la Roma sarebbe stata molto dura, a prescindere da chi siede in panchina”.

Un ricordo “mourinhiano” che le nasce prima della partita?
“Giochiamo contro la Lazio, proprio tre giorni prima di quella finale di Coppa Italia contro la Roma. La partita è in controllo e io sono in panchina, poi José si girà e mi dice queste testuali parole: “Ti va di giocare dall’inizio mercoledì?”. Così, dal nulla: chi altro l’avrebbe detto in quel momento? Mi spiazzò, ma mi fece molto felice. Questo racconta molto del rapporto che riusciva ad avere con i suoi giocatori”.

Che messaggio WhatsApp gli vuole lasciare?
“Mi raccomando, ricordati che giochi contro la “tua” squadra: non fare scherzi…”

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa