Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mancini ci riprova da capitano: ha già gelato l’Inter l’anno scorso

Lo scorso anno un suo colpo di testa regalò il pareggio alla Roma di Fonseca

Faceva più freddo, perché lo stadio era vuoto. Ma in fondo l’atmosfera e il pessimismo erano simili: arrivata all’Olimpico l’Inter, un’Inter lanciata, e per la Roma poco propensa a battere le grandi la sconfitta sembrava annunciata. Sul campo andò diversamente: gol di Pellegrini, ottima gestione fino all’intervallo, ribaltone firmato da Skriniar e Hakimi, panico. Poi un calcio piazzato a quattro minuti dalla fine: ci si fionda uno specialista di esecuzioni offensive, Gianluca Mancini, e il 2-2 è cosa fatta. Un pareggio che la Roma assomiglia a una vittoria.

Stasera Mancini cercherà di ripetere l’idea: essere protagonista contro l’Inter. Gli era già successo con l’Atalanta, quando aveva segnato in uno strepitoso 4-1 dei ragazzi di Gasp. A nessun’altra squadra Mancini ha fatto così tanti danni in Serie A. Ma al di là dei gol realizzati, sarà importante impegnarsi per non prenderne. Contro l’ex compagno Dzeko, che conosce bene dopo due anni e spiccioli di coabitazione, contro Lautaro che a volte diventa inafferrabile, Mancini ha bisogno di una partita quasi perfetta per sostenere il telaio di Mourinho. Lo scrive Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa