Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma sprofonda con l’Inter, Mou si arrende: “Loro più forti”

La Roma soccombe all’Olimpico

Arrendevole e irriconoscibile, la Roma sparisce sotto i colpi dell’Inter. Tre colpi (0-3) che fanno male come pugnalate di una squadra travolta dalle assenze (Pellegrini, Abraham, El Shaarawy, Carles Perez, Karsdorp) e incapace di opporre anche un minimo di resistenza di fronte alla superiorità dei nerazzurri. E adesso la crisi è profonda.

“L’Inter è più forte di noi in condizioni normali, in queste condizioni ancora più forte, abbiamo pagato le assenze – si giustifica Mourinho, in un mini-monologo senza possibilità di fargli domande – l’anno scorso sono arrivati 29 punti sopra, figuratevi oggi con il nostro potenziale offensivo praticamente nullo. L’arbitro non ha avuto influenza sul risultato, ma mancava forse solo un giallo a Cristante (diffidato come gli ammoniti Mancini e Zaniolo ndr). Abbiamo il record di cartellini in Serie A“. E ancora: “La prossima avrò ancora più assenze. Complimenti all’Inter e in bocca al lupo per la Champions”.

Già a fine primo tempo si infuriano i tifosi: la Sud fischia la squadra chiedendole di mostrare gli “attributi in campo”. Perché va bene perdere, ma almeno con dignità, il messaggio lanciato ai giocatori apparsi per larghi tratti terrorizzati dalla supremazia interista. Fischi che arrivano anche a fine gara, con la parte calda della tifoseria che continua a cantare ben oltre il fischio finale.

A nulla serve la magia creata nel pre-gara dalla presenza di Francesco Totti, tornato allo stadio a distanza di due anni dal suo addio da dirigente, come ospite della “DigitalBits”, il main sponsor della Roma di cui l’ex capitano è diventato testimonial. Lo scrive “La Repubblica”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa