Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Una missione Special: Pinto deve accontentare Mourinho con un terzino e un mediano

Tiago Pinto Roma Milan

Le strategie di mercato della Roma

Un altro nodo sta per venire al pettine in casa Roma. José Mourinho ha fatto capire in ogni maniera possibile che vorrebbe rinforzi, ma Tiago Pinto, ad oggi, ha un budget limitato da spendere a gennaio.

Un terzino destro e un centrocampista sono gli obiettivi, il messaggio inviato dal general manager giallorosso ai vari procuratori è chiaro: per adesso si valutano soltanto operazioni in prestito. Il mercato, si sa, è dinamico. Lo insegna la scorsa sessione estiva in cui la Roma cercava centrocampisti e si è ritrovata ad acquistare due attaccanti per far fronte alla partenza di Dzeko.

Quindi quello che vale oggi potrebbe non essere più vero domani. Molto dipenderà anche dal numero di esuberi che i giallorossi riusciranno a piazzare: da Fazio e Santon rimasti fuori rosa, a Villar e Diawara, fino a Reynolds ed eventualmente Kumbulla, le porte sono spalancate per tutti quei giocatori bocciati da Mourinho in questi primi mesi di stagione.

Con le valigie pronte c’è anche Borja Mayoral, ma nel suo caso la Roma deve decidere se accordarsi col ragazzo e il Real per interrompere in anticipo di sei mesi il prestito in scadenza a giugno.

Sono invece escluse cessioni di “titolari” durante la finestra invernale del mercato. Gli interventi più massicci sulla rosa sono rinviati all’estate, quando la Roma saprà anche se e quale competizione europea giocherà nella prossima stagione, con i relativi calcoli sui ricavi e il budget. Quanto agli acquisti, la sensazione è che i profili valutati siano diversi e alcuni debbano ancora emergere.

La strada per Dalot e Zakaria, ad esempio, si è messa in salita.  Un’alternativa valida è l’austriaco Grillitsch, nei giorni scorsi è stato offerto alla Roma Tolisso, ai margini al Bayern, ma Pinto la considera un’operazione difficile ,quasi impossibile.

Sarà da valutare la tenuta nervosa di Mourinho, destinato ad attendere gli sviluppi delle trattative prima di vedere arrivare qualche faccia nuova a Trigoria. Il rapporto tra l’allenatore e Tiago Pinto è solido, lo stesso dicasi di quello con i Friedkin, ma visti i precedenti c’è da aspettarsi che Mourinho continuerà a non nascondere i limiti della rosa. Mettendo nuova pressione sulla società. Ma prendere un allenatore così “ingombrante” comporta questo tipo di problemi: il pacchetto che si acquista è completo. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa