Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Spugna: “Abbiamo avuto difficolta ma siamo riuscite a portare a casa la vittoria”

Le parole del tecnico giallorosso dopo il successo nel derby: “Adesso siamo seconde, ma le partite difficili non saranno soltanto gli scontri diretti”

Alessandro Spugna ha parlato ai canali ufficiali del club dopo la vittoria nel derby. Ecco le parole dell’allenatore della Roma Femminile.

Troppa sofferenza?
“Sì, queste partite sofferenza te la devono portare. Sapevamo che dovevamo giocare una partita con spazi chiusi da parte loro, dovevamo gestire meglio soprattutto el primo tempo in cui abbiamo avuto tanta fretta ed eravamo scollegate, forse una questione a livello di testa. Forse sentivamo la gara più del dovuto e quindi abbiamo avuto difficoltà. Alla fine siamo riuscite a portarla a casa, non era facile. Bisogna fare i complimenti alla Lazio”.

Complimenti per la gestione della squadra.
“Oggi il calcio ti porta a poter fare 5 cambi e chi entra deve fare la differenza. Bisogna avere delle calciatrici in grado di cambiare il corso della gara. Oggi chi è entrata ha fatto davvero bene, è postiva come cosa anche per il proseguo”.

Oggi vittoria nel Derby, secondo posto e qualcosa da imparare in vista del girone di ritorno.  (Domanda di Vocegiallorossa.it)
“Sì, credo che in questo campionato non ci siano partite semplici. Adesso siamo seconde, ma le partite difficili non saranno soltanto gli scontri diretti ma anche quelle contro chi lotta per la salvezza”.

Bartoli? 
“Era un leone in gabbia in panchina, ma è tornata a disposizione questa mattina. Elisa è stata brava perché rientrare dopo 21 giorni di positività non è semplice in una partita come questa. Ci teneva tantissimo e devo farle i complimenti per la grande partita”.

Il pubblico?
“Mi sento di ringraziarlo, è stato bellissimo vedere la coreografia a inizio gara e ci hanno sostenute per tutta la gara. Lo sapevamo, abbiamo semore sentito il calore ma oggi lo abbiamo sentito da vicino”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile