Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Thiago Motta: “Con Mourinho ci vogliamo bene, abbraccio spontaneo. Gol da corner evitabili”

Le parole del tecnico dello Spezia

L’allenatore dei liguri Thiago Motta ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine della gara persa in casa della Roma. Le sue parole:

Quanto hanno pesato le difficoltà sulle palle inattive?
“Anche per questo siamo nella situazione in cui siamo. Abbiamo subito due gol su calcio d’angolo, che sono sempre evitabili, loro ne hanno approfittato e hanno gestito la partita. Noi non abbiamo creato abbastanza per rientrare in partita”.

Cosa le ha detto Mourinho?
“Io ho una stima enorme per lui e penso sia reciproco. Lui è una persona vera, l’abbraccio è spontaneo, ci vogliamo bene. Siamo stati rivali per 90 minuti e prima e dopo saremo sempre amici”.

Gyasi renderebbe di più vicino alla porta?
“Si, anche. Nell’ultima partita col Sassuolo ha segnato, può fare l’attaccante. Al momento abbiamo bisogno che faccia tutta la fascia, lui è importante al di là del ruolo che ricopre, quest’anno ha fatto anche il terzino sinistro. Sono contento di averlo, abbiamo bisogno di lui”.

C’è bisogno di rinforzi a gennaio?
“Per il momento il mercato è chiuso per noi, abbiamo quattro sessioni chiuse. Se sarà aperto, vedremo cosa accadrà con la società”.

Lei ha avuto la sensazione di poter recuperare la partita?
“No, non ho avuto la sensazione di poter rientrare in partita e questa cosa mi dispiace perché oggi sarebbe stata un’opportunità interessante per noi”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario