Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ibanez da record: di testa in Serie A segna come un bomber

Grande crescita del difensore brasiliano

Chi ha migliorato Roger Ibanez? Parafrasando il titolo del celebre film-cartoon degli anni ’80 la risposta è semplice. Da quando Mourinho siede sulla panchina della Roma, infatti, il difensore brasiliano ha sconfitto le sue paure diventando il miglior difensore per rendimento della rosa giallorossa.

Sia chiaro da subito: stop ai paragoni blasfemi del recente passato con Aldair o Marquinhos. Ma Ibanez, impiegato in più ruoli e in più moduli, sta sfruttando al massimo la cura Mou migliorando soprattutto quella continuità di concentrazione in partita che lo scorso anno subiva pesanti black out.

Un’arma in più Roger anche in zona gol visto che è il secondo marcatore di tutta la serie A per reti segnate di testa alle spalle di Destro (5). Insieme al brasiliano a quota 3 anche Dzeko e Immobile. Sabato Ibanez affronta la sua prima squadra italiana, quell’Atalanta in cui ha giocato solo 2 partite prima di essere ceduto alla Roma. Lo farà nello schieramento a tre al fianco di Mancini e Smalling che ha recuperato dal fastidio muscolare e ieri si è allenato col gruppo.

Ibanez dopo aver convinto Mou proverà a convincere pure Mancini per una convocazione in azzurro visto il doppio passaporto. Saltata, infine, la festa di Natale del club sia per la paura del Covid sia per non perdere concentrazione in vista di Bergamo. Lo scrive “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa