Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Stadio, Friedkin in Campidoglio a inizio 2022

I Friedkin si muovono sul fronte stadio

I Friedkin sono convinti ad andare avanti con il nuovo stadio, anche se adesso la struttura societaria interessata ad affrontare le questioni legate al tema impianto cambierà radicalmente.

Nell’ultimo anno se ne è occupato il dirigente Stefano Scalera, che è praticamente in uscita anche se ufficialmente interromperà il contratto con la Roma il 31 dicembre. Ma ha già svuotato gli uffici, in questi giorni è in ferie e dal primo gennaio tornerà al Mef.

Scalera ha trasferito tutto il dossier stadio al nuovo amministratore delegato Pietro Berardi, ma ai rapporti istituzionali potrebbe arrivare un’altra figura dirigenziale. Circola da qualche giorno il nome di Lucia Bernabè, figlia del supermanager Franco. Il dossier stadio potrebbe essere affidato a lei.

Friedkin è intenzionato ad andare avanti, ma i tempi non saranno brevi. Il presidente della Roma ne ha già parlato con il sindaco Gualtieri, in occasione della partita con l’Inter, quando il primo cittadino era in tribuna. In quella circostanza Berardi invece si è confrontato con il nuovo assessore all’Urbanistica Maurizio Veloccia. Un appuntamento istituzionale sarà fissato con il nuovo anno. La soluzione sulla quale si lavorerà sarà quella dell’area degli ex Mercati Generali, all’Ostiense. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa