Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 21 dicembre 1980: la Roma travolge l’Ascoli e vola in testa (VIDEO)

I giallorossi di Liedholm vincono 4-1 e scavalcano l’Inter

Il 21 dicembre 1980, la Roma ospita l’Ascoli nell’undicesima giornata di Serie A. Gli ospiti passano clamorosamente in vantaggio dopo appena 4′ con Paolucci che in scivolata, solo in area, raccoglie il cross di un compagno e batte un incolpevole Tancredi. La squadra di Liedholm mette comunque immediatamente le cose a posto: al 14′, su azione d’angolo, Scarnecchia raccoglie una corta respinta della difesa ascolana e in diagonale pareggia.

Dopo che l’Ascoli sfiora il nuovo vantaggio, i giallorossi raddoppiano al 28′ con Pruzzo che stacca su un cross di Di Bartolomei e porta la Roma in vantaggio. Nella prima frazione c’è tempo anche per il tris, ancora da angolo: Romano calcia in diagonale e trova la deviazione decisiva dell’ascolano Bellotto che infila Muraro per il 3-1 giallorosso. Sul finire del primo tempo due interventi di Tancredi su Boldini e Trevisanello salvano la Roma dal ritorno in partita dell’Ascoli.

Al 63′ arriva poi il poker di Ancelotti. Calcio di punizione battuto da Di Bartolomei, palla che filtra ma che viene rallentata dalla barriera, il più lesto di tutti è il numero 10 giallorosso che batte il portiere dell’Ascoli per la quarta rete della Roma. I giallorossi approfittano del pari 1-1 tra Inter e Torino per portarsi in testa alla classifica a quota 15 punti, due di vantaggio sui nerazzurri e sulla Juventus.

TABELLINO

Roma: Tancredi, Spinosi, Romano, Turone, Falcao, Bonetti, Conti, Di Bartolomei, Pruzzo (85′ De Nadai), Ancelotti, Scarnecchia
A disposizione: Superchi, Maggiora, Benetti, Santarini
All.: Liedholm

Ascoli: Muraro, Anzivino, Boldini, Bellotto, Gasparini, Perico, Trevisanello (85′ Bellomo), Moro, Paolucci, Scanziani, Torrisi (85′ Stallone).
A disposizione: Pulici, Scorsa, Mancini
All.: Fabbri

Arbitro: Lo Bello
Marcatori: 3′ Paolucci, 14′ Scarnecchia, 28′ Pruzzo, 34′ Bellotto (aut.), 63′ Ancelotti

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord