Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Mourinho: “Meritavamo di vincere, ma partita bruttissima”

Il tecnico giallorosso: “Abbiamo giocato male. Dopo il girone d’andata la nostra classifica è normalissima”

José Mourinho ha commentato ai microfoni di DAZN il pareggio della sua Roma contro la Sampdoria. Ecco le parole del tecnico giallorosso.

Tutta la voglia di vincere nelle sue scelte, avevate trovato il gol con pazienza. Quanto rammarico c’è?
“Non credo con pazienza. Non abbiamo giocato bene, meritavamo di vincere soprattutto per il secondo tempo, prima dell’1-0 e dopo l’1-1 abbiamo giocato con intensità e creato situazioni di dominio. Ma per me è una partita bruttissima: la squadra che voleva vincere non ha giocato bene per niente, la squadra che non voleva vincere ha fatto la partita che voleva e sono stati premiati con un punto”.

Squadra stanca?
“Magari, è normale che sia così, anche per gli avversari. La Samp non ha una rosa per cui il suo allenatore può fare due squadre diverse. Ma nel secondo tempo non ho avvertito questa stanchezza, nel primo tempo invece sì, vedevo una squadra lenta con la palla e senza, con mancanza di concentrazione, abbiamo perso troppi palloni in modo facile. Tante volte questi errori sono dovuti alla stanchezza e alla mancanza di qualità. Meritavamo più di un punto, meritavamo di vincere ma abbiamo giocato male”.

Quali difetti non vorrebbe più vedere dei giocatori nel girone di ritorno?
“Prima della partita ai giocatori che possono giocare bene o male, vincere o non vincere, ma ci sono cose che quando prendi non puoi perdere mai. Con l’Atalanta abbiamo avuto coraggio di giocare, la voglia di pressare e vincere tutti i livelli, di giocare veloce e il rammarico oggi è non aver visto questo tipo di atteggiamento. Magari c’è un po’ di stanchezza, che mi sembra normale. Non voglio essere troppo critico con i miei, sono sempre al loro fianco ma non abbiamo giocato bene. Dall’altra parte c’era una squadra che non voleva giocare, non vorrei fosse una critica al mio avversario. Ma hanno preso tempo, hanno fatto questo tanto volte. Per una squadra che non gioca bene e non sta tranquilla nel gioco aiuta. Dopo l’1-1 solo una squadra di nuovo voleva vincere e loro si son messi dietro, sono felici del punto quindi auguri a loro per questo”.

Sta pensando in prospettiva: con il rientro di Pellegrini pensa di restare con questa disposizione o cambierà qualcosa?
“Vediamo, l’importante è che torni Pellegrini. Se tutto va bene e non succede niente in questo periodo di Natale, parlo di Covid per la gente che viaggia, penso che solo Spinazzola sarà indisponibile”.

Per riassumere questo girone d’andata con un post su Instagram, che foto e che didascalia?
“Un post normalissimo perché la nostra mi sembra una classifica normalissima. Inter, Milan, Juve e Atalanta sono davanti. Quindi il post non sarebbe fantastico e non sarebbe da un milione di like, sarebbe un post normalissimo perché la nostra classifica è normalissima”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra