Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Mourinho: “Fossi stato a casa, avrei cambiato canale”

Tutta la delusione dello Special One

Non era la Roma di Bergamo, troppo diverse le due prestazioni per essere figlie della stessa squadra. Ed il primo ad ammetterlo è proprio Mourinho, che deve capire se quella è stata una prestazione top o meno.

“Con l’Atalanta abbiamo avuto coraggio di giocare, la voglia di pressare e di vincere i duelli – dice l’allenatore della Roma –. Il rammarico è non aver visto lo stesso atteggiamento anche con la Samp. Ma è stata una partita orribile, se fossi stato a casa avrei cambiato canale subito: la squadra che voleva vincere, non ha giocato bene e quella che non voleva perdere non ha giocato quasi per niente“.

Insomma, forse la Roma ha pagato proprio l’intensità messa nella gara di sabato, sta di fatto che ieri era sulle gambe, soprattutto nel primo tempo. “Lì forse abbiamo pagato un po’ di stanchezza, ci può stare – continua Mou – Eravamo lenti, abbiamo perso troppi palloni, senza pressare alti. Zaniolo è l’unico che ci ha messo intensità. Loro avevano la palla, ma senza creare pericoli. Ma per quello che abbiamo fatto nel secondo tempo meritavamo lo stesso di vincere”. E sarebbe stata una vittoria pesante. “Ed invece la nostra è una classifica normalissima. Abraham? Sta male, il problema è la caviglia, ho visto solo il sangue”. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa