Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Calciomercato

Per Mourinho Villar non difende: Inter e Valencia provano l’assalto

Il centrocampista spagnolo verso l’addio alla capitale. Nerazzurri e spagnoli alla finestra

C’è stato un momento, nella Roma, che sembrava quasi non si potesse più giocare a calcio senza Gonzalo Villar. È successo a metà della scorsa stagione, quando con Fonseca il centrocampista spagnolo sembrava aver trovato il suo habitat naturale.

Ed invece quell’incantesimo si è spezzato presto, Villar ha visto regredire le sue prestazioni e anche la sua considerazione all’interno delle squadra giallorossa. Fino a quest’anno, quando con Mourinho è praticamente sparito dai radar.

Troppo poco incline al calcio che piace all’allenatore portoghese, troppo poco portato al contrasto, alla cura della fase difensiva, alla lotta ed al duello in mezzo al campo. Lì, in quella zona nevralgica, Mourinhopredilige tutt’altro tipo di giocatore. Tanto che la Roma aveva già provato a darlo via – invano – nel corso della scorsa estate. Villar invece è voluto restare e ha finito con raccogliere le briciole.

Che poi vuol dire appena 6 presenze, tutte in Conference League e senza mai finire neanche una partita (tra l’altro, partendo titolare solo in due occasioni, nella vittoria casalinga con il Cska Sofia e nel disastro di Bodo).

In campionato, invece, Gonzalo non ha accumulato neanche un minuto, mai chiamato in causa. Ecco perché andrà via, se non a gennaio sicuramente a giugno. “Ho rispettato e sudato questa maglia in ogni allenamento e partita sin dal primo giorno. L’anno scorso ho vissuto momenti incredibili che non dimentico. E ora sto ricevendo tanti insulti per aver giocato male il primo tempo di una partita dopo che tanto tempo che non giocavo. Fin quando sarò qui mi impegnerò per trovare più opportunità e per dimostrare che giocatore sono”, il suo sfogo dopo Bodo. Il rapporto è oramai reciso anche con la piazza, Inter e Valencia sono alla finestra.

Si legge su La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Calciomercato