Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Ufficiale, nessun rinvio con 13 calciatori disponibili: la decisione della Lega

Serie A

Il comunicato dopo il Consiglio straordinario e il caos delle gare della 20a giornata

La Lega di Serie A ha emesso in mattinata un comunicato con il quale chiarisce le regole in caso di focolaio Covid per le squadre. Con 13 calciatori, di cui almeno un portiere, disponibili per squadra non saranno rinviate le partite in programma. Ecco lo stralcio del comunicato:

1. Qualora uno o più calciatori dello stesso club risultassero positivi al virus SARS-CoV-2 la gara sarà disputata secondo il calendario di ciascuna competizione, purché il club in questione abbia almeno tredici giocatori (di cui almeno un portiere) tra quelli iscritti nelle rose della Prima Squadra e della formazione Primavera nati entro il 31 dicemrbe 2003, risultati negativi al test entro il termine del punto 4;

2. qualora il club non disponga del numero minimo di calciatori di cui al punto 1, la Lega delibererà di conseguenza;

3. qualora il club sia in grado di disporre del suddetto numero minimo di calciatori e comunque non presenti in campo la squadra, subirà le sanzioni previste dall’articolo 53 delle N.O.I.F.;

4. ciascun club, ai fini dell’applicazione delle norme di cui ai punti 1, 2, 3 dovrà inviare a mezzo pec alla Lega Nazionale Professionisti Serie A ([email protected]) la docmentazione comprovante le riscontrate positività entro la mezzanotte del giorno precedente il giorno di gara.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News