Resta in contatto

Rassegna Stampa

Personalità e senso tattico: Oliveira è l’uomo per José

In arrivo il centrocampista portoghese

Ormai è una questione di ore. Probabilmente in giornata, al massimo domani, Sergio Oliveira, sbarcherà a Roma. L’ufficiosità al suo arrivo l’ha regalata Mou: “Questa è una squadra di bravi ragazzi, manca di personalità. Maitland-Niles è appena arrivato, un altro arriverà a breve“.

L’altro è appunto Oliveira. Pinto sta ultimando la trattativa con il club lusitano: prestito con diritto di riscatto fissato a 13,5 milioni. A Oporto vorrebbero che il diritto si tramutasse in obbligo dopo u nnumero di presenze. A Trigoria tengono duro, consapevoli della volontà del ragazzo. La soluzione potrebbe essere quella di aumentare il costo del prestito (attualmente fissata a 1milione).

Toccherà quindi a Oliveira prendere per mano la mediana giallorossa e di conseguenza la squadra. Complice un calendario non proibitivo sino a fine febbraio (Cagliari, Empoli, Genoa, Sassuolo, Verona e Spezia) l’inserimento potrebbe essere agevolato. L’idea è quella di farlo giocare già domenica contro i sardi.

Cristante è squalificato e il ruolo di Sergio potrebbe essere proprio quello di playmaker. Certamente atipico visto che per una vita ha fatto la mezzala in un centrocampo a tre e l’interno in quello a due. È uno che non ha paura di prendersi delle responsabilità. Magari non velocissimo ma che sa rallentare e accelerare l’azione. Quello che manca alla Roma, capace di giocare soltanto ad una velocità. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa