Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Sergio Oliveira pronto subito. Villar al Getafe

Lo spagnolo torna in patria

A dieci giorni dall’apertura del mercato, la Roma ha già raggiunto i suoi principali obiettivi. Tiago Pinto è riuscito a consegnare a Mourinho i due rinforzi chiesti dal tecnico. Ieri è stato il giorno di Sergio Oliveira che è sbarcato a Ciampino per iniziare la sua avventura in giallorosso.

Il centrocampista arriva in prestito oneroso (1 milione) con diritto di riscatto fissato a 13 più eventuali bonus legati alla qualificazione in Champions o alla vittoria di un trofeo. Per la chiusura della trattativa con il Porto si è rivelata decisiva la volontà del giocatore che, per lavorare con Mou, ha accettato un ingaggio quasi identico a quello percepito in Portogallo.

E chissà che sulla scelta di cambiare squadra non abbia influito anche la conoscenza con Rui Patricio o il rapporto con Pellegrini (si erano scambiati i telefoni al termine del test giocato l’estate scorsa in Algarve). Nel frattempo Pinto sta portando avanti anche l’opera di sfoltimento della rosa: Villar è stato ceduto in prestito secco al Getafe, lo stesso club scelto da Borja Mayoral per giocare con più continuità.

Il prestito dell’attaccante di proprietà del Real Madrid è stato interrotto, con la Roma che risparmia 500mila euro (rinunciando però ai benefici del decreto crescita). Fatta anche per il prestito secco di Calafiori, che oggi svolgerà le visite mediche con il Genoa: decisivo un contatto diretto tra le proprietà statunitensi dei club. E adesso? La Roma continuerà a monitorare il mercato, ma senza una cessione piazzare un altro colpo sarà complicato. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa