Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Approfondimenti

La rinascita di Kumbulla: dalla tribuna post Bodø agli elogi di Mourinho

Dopo i sei gol subìti dal Bodo/Glimt Kumbulla fu addirittura uno degli “epurati”, ma ora Mou lo elogia: “Migliore in campo”

Ieri sera, nel post partita di Roma-Cagliari, Mourinho ha elogiato pubblicamente Marash Kumbulla. Questo denota un chiaro cambio di strategia dello Special One che, sul centrale giallorosso, ha fatto un lavoro quasi da psicologo. Come fu per Pellegrini “Ne avessi tre, giocherebbero tutti e tre”, il portoghese ha voluto elogiare e motivare il centrale dopo dichiarazioni, e scelte, invece durissime, dopo Bodo.

Il 21 ottobre scorso Kumbulla, titolare, gioca tutti i 90′ nella disfatta giallorossa in Norvegia. Nel post partita, che diventò praticamente anche il pre partita del successivo match Roma-Napoli, il portoghese parlò chiarò:

“Sì, la colpa è mia. Colpa mia perchè ho mandato in campo gente che non è assolutamente all’altezza. Mi sono fidato di calciatori che ho fortemente sopravvalutato”.

Mourinho non fece nomi e cognomi precisi ma, ovviamente, le scelte per le successive partite non lasciarono spazio a dubbi o interpretazioni: contro il Napoli andarono in tribuna per scelta tecnica Kumbulla, Diawara, Villar, Reynolds e Mayoral. Il centrale giallorosso si ritrovò così nella “lista degli epurati”.

Nelle partite successive, causa il passaggio di Mourinho alla difesa a 3 e qualche defezione, Kumbulla riesce ad avere un ottimo minutaggio e a ritrovare il campo: 66′ contro il Venezia e 87′ contro il Genoa. Dalla partita contro il Torino Mourinho comincia ad essere più morbido nei confronti dell’albanese.

Nella sfida dell’Olimpico contro il Torino di Juric Kumbulla gioca soltanto gli ultimi 2′ del recupero. Il portoghese lo inserisce addirittura per marcare il portiere granata Milinkovic-Savic. Ma, pur giocando soltanto 120 secondi, le dichiarazioni di Mourinho sul calciatore giallorosso cominciano a cambiare tono:

“Kumbulla è stato bravissimo. Aveva una grandissima responsabilità. L’ho messo perchè sapevo che nell’ultimo minuto il Torino avrebbe detto a Savic di andare in area per le palle inattive”.

Dopo il Torino Kumbulla gioca 61′ nella sconfitta contro l’Inter e resta in campo per tutti i 90′ nella vittoria contro lo Spezia. Prima di ieri sera contro il Cagliari colleziona 3 panchine consecutive, ma è proprio nel post partita di ieri che si capisce chiaramente come lo Special One abbia cambiato strategia nei confronti del suo giocatore:

“Devo fare i complimenti a Kumbulla. Con questo ragazzo sono stato molto duro, ma lui ha sempre dato il massimo. Oggi, per quanto mi riguarda, è stato il migliore in campo”.

Dopo la disfatta di Bodo il centrale giallorosso era praticamente un fuori rosa. Adesso, col giusto minutaggio in campo e le dichiarazioni di Mourinho, è un elemento importantissimo. Dalla tribuna contro il Napoli agli elogi del tecnico dopo Roma-Cagliari: la Roma e Kumbulla si sono ritrovati. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Approfondimenti