Resta in contatto

Rassegna Stampa

Mourinho punta le coppe

La strategia dello Special One

Un percorso che può cambiare una stagione. José Mourinho sa più di chiunque altro quanto la vittoria di un trofeo faciliterebbe la crescita della squadra dal punto di vista della mentalità: per questo l’ottavo di finale di Coppa Italia in programma giovedì sera all’Olimpico con il Lecce assume un’importanza maggiore rispetto ciò che il peso dell’avversario potrebbe lasciar intendere.

Un successo in coppa influenzerebbe inevitabilmente anche il bilancio della prima annata giallorossa di Mou, che conquistando il ventiseiesimo titolo in carriera tornerebbe ad arricchire la bacheca di Trigoria dopo quattordici anni.

Ecco perché il tecnico potrebbe decidere di non ricorrere ad un turnover massiccio continuando a puntare su gran parte del blocco titolare, per chiudere il discorso qualificazione prima dare spazio alle seconde linee. Nonostante l’inizio soft però l’ipotetico cammino della Roma verso la finale dell’11 maggio si prospetta tutt’altro che in discesa: in caso di passaggio del turno infatti ai quarti – gara secca – i giallorossi rischiano di incontrare l’Inter mentre nell’eventuale semifinale sarebbero contro Milan o Lazio.

Un tabellone complicatissimo, soprattutto per una squadra che ha dimostrato di soffrire particolarmente contro le big (1 vittoria, 1 pareggio e 6 sconfitte finora in campionato). Ancora da scoprire invece il percorso in Conference League: il sorteggio per decretare gli accoppiamenti degli ottavi di finale è in programma il 25 febbraio.

Nel frattempo Tiago Pinto continua a lavorare sul mercato, per cercare di portare a termine l’opera di sfoltimento della rosa propedeutica all’arrivo di un ultimo giocatore da regalare allo Special One. Nelle ultime ore però va registrato un brusco stop alla trattativa che avrebbe dovuto portare Reynolds in prestito all’Anderlecht: l’americano non ha ricevuto garanzie sul minutaggio garantito e l’operazione si è bloccata. Al momento la Roma e l’entourage del giocatore stanno cercando un altro club dove mandare il terzino a fare esperienza (piace ai belgi del Kortrijk). Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa