Resta in contatto

Prima Squadra

Spinazzola protagonista di “A scuola di tifo”: “In campo rispetto sempre avversari e arbitri” (VIDEO)

Il terzino giallorosso protagonista dell’iniziativa di sensibilizzazione dei giovani organizzata dalla Roma

Leonardo Spinazzola è stato il nuovo protagonista di “A Scuola di Tifo”, il progetto di Roma Cares atto a sensibilizzare gli studenti su tematiche socialmente rilevanti.

Il programma è dedicato a Willy Monteiro, il ragazzo brutalmente ucciso nel 2020 a Colleferro.

I temi di questo collegamento online con gli studenti dell’Istituto Comprensivo Dionigio Romeo Chiodi – 21 i ragazzi coinvolti di terza media – sono stati il fair play e il problema del bullismo e del cyberbullismo. L’esterno giallorosso, campione d’Europa, ha risposto alle domande dei ragazzi, portando la sua testimonianza ultradecennale di sportivo.

“Si possono compiere atti di bullismo non solo con le mani – ha detto – ma anche e soprattutto con le parole, che spesso possono ferire addirittura di più. Io cerco sempre di insegnare a mio figlio cosa sia il rispetto, provo a fargli capire quanto sia importante comportarsi nel modo giusto con tutti e a insegnargli a proteggere e difendere i bambini che, come lui, potrebbero trovarsi in difficoltà”.

E ancora: “È quello che faccio anche io quando gioco una partita, cerco sempre di rispettare i miei avversari e gli arbitri, perché ognuno ha il suo ruolo e le proprie idee. E questo è il modo in cui mi comporto anche nella vita, fuori dal campo”. 

Lo si legge su asroma.com.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra