Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Sassuolo-Roma 2-2: un punto e poco di più

La Roma non va oltre il pari

RUI PATRICIO  4

Una papera incredibile che non ti aspetti da un portiere del suo livello.

Trigoria

MANCINI  5

L’ennesimo giallo della sua stagione, una costante. Salterà la sfida con il Verona.

SMALLING 6

Fa il suo in una gara dove tiene a bada agevolmente Defrel.

KUMBULLA  6

Tra i miglior visti in campo al Mapei Stadium. E questo deve far riflettere.

KARSDORP 4,5

Una serie infinita di retropassaggi. Si perde Traorè sul primo gol, una marcatura horror sul secondo.

MKHITARYAN 6

L’armeno ci prova, Mou lo elogia a fine gara nelle insoliti vesti di regista.

SERGIO OLIVEIRA  5,5

Il portoghese non sembra in grado di imprimere ritmo alla manovra giallorossa.

PELLEGRINI 5,5

Anonimo e spaesato nel primo tempo, cresce nella ripresa ma non riesce ad incidere.

VINA  6,5

Dopo la difficile serata di San Siro, tira fuori una reazione e una prestazione importante.

FELIX  5

Uno scatto in 70 minuti ma davanti a Consigli non trova il guizzo decisivo.

ABRAHAM  6

Partita generosa come al solito, segna il suo primo gol in italiano su rigore.

SHOMURODOV  5

Ennesimo ingresso anonimo dell’uzbeko.

CRISTANTE  6

Regala un punto con il suo colpo di testa.

MAITLAND-NILES  6

Entra nel finale, si fa vedere con qualche buon cross.

VERETOUT  5,5

Entra nel finale, non incide.

CARLES PEREZ  6-

Un buon tiro e qualche intuizione nel finale.

MOURINHO  5

Una Roma anonima, priva di idee e di voglia di vincere. Tanti errori dei singoli, dove lui può far poco. Ma sono pochi anche due punti tra Genoa e Sassuolo.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma