Resta in contatto

L'angolo dell'avversario

Tudor: “La Roma è un avversario difficile, Mou il numero uno”

Le dichiarazioni dell’allenatore del Verona in conferenza stampa

In vista della sfida tra Roma e Verona, l’allenatore degli avversari dei giallorossi Igor Tudor ha parlato in conferenza stampa. Ecco le sue dichiarazioni, riportate da tuttomercatoweb.com:

Dalla sfida d’andata, in cosa l’ha sorpresa la sua squadra?
“Non mi ha sorpresa, ma la crescita c’è stata, com’è giusto che sia. Siamo partiti bene dopo la sosta natalizia, era importante accelerare subito e l’abbiamo fatto nel miglior modo possibile. Abbiamo ottenuto punti importanti, che ci hanno avvicinato alla salvezza: manca veramente poco, ma va raggiunto”.

Un commento sulla Roma?
“Avversario difficile, l’allenatore è il numero uno, la rosa è da Champions o ci va vicina. Mi aspetto una partita difficile, ma sarà anche motivante”.

Ha creato una struttura importante, e l’ha fatto sembrare facile. Come ha fatto?
“Mi fai domande difficili. Ti ringrazio. Abbiamo parlato tante volte di questo: bisogna tirare forte fino in fondo, poi magari le somme le tiriamo alla fine. Bisogna tirare forte per tredici partite, ci sono tanti punti ancora in ballo. Bisogna finire bene la stagione, non mollare niente, lavorare sulla testa dei giocatori”.

Mourinho ultimamente parla molto di arbitri. È una cosa che la preoccupa?
“È sempre bello parlare di allenatori, ma poi ci sono anche i giocatori, che interpretano quello che prepara l’allenatore. È un onore affrontare un tecnico di questo blasone. Ci sono tanti elementi nel lavoro di un allenatore, tra questi c’è anche la comunicazione, e lui in questo è il numero uno”.

Che lavoro fa sulla fase offensiva? Siete il quarto attacco del campionato…
“Anche questa è una domanda lunga. Ci sono un paio di elementi importanti: la qualità dei giocatori e il coraggio di attaccare con tanti uomini. Va poi aggiunto il lavoro quotidiano, ricercare un mix di automatismi e di scelte libere. Ci sono diversi modi di fare la fase offensiva: Conte lo fa con tanti automatisimi, Guardiola con i posizionamenti giusti. C’è anche la preparazione fisica: se hai i braccetti che vanno sempre su e giù devono stare bene, così come i quinti o i trequartisti”.

Che voto dà alla sua comunicazione?
“Lo dovete dire voi: come posso giudicare me stesso? Io non posso dirlo ad alta voce. È una cosa che devono giudicare gli altri: un’opinione io ce l’ho, ma la tengo per me”.

Roma-Verona ha il profumo d”Europa?
“Loro hanno questo obiettivo, noi no”.

Faraoni tornerà titolare al posto di Depaoli?
“Vediamo domani, è bello perché ci sono tante alternative. Fabio può giocare sia a destra che a sinistra”.

Faraoni terzo e Depaoli quinto è una soluzione?
“L’abbiamo già fatto, ma abbiamo anche Sutalo e Retsos. Non li ho messi perché in questo momento pensavo fosse la soluzione migliore, ma non significa che non giocheranno. Poi c’è anche Coppola, vorrei dargli un po’ di spazio nelle prossime partite”.

Frabotta verrà convocato?
“Ha fatto pochi allenamenti. Ci vorrà un po’ di tempo, ma spero non ci metta troppo perché è giovane”.

A livello di infortuni ci sono novità?
“No, sono fuori quelli che sapete”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario