Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Abraham: “Vittoria pesante, sento la fiducia e la ripago così”

L’inglese ancora decisivo. Ed elogia la compattezza della squadra

È un vento Forza Venti. È Tammy Abraham, che segna il suo 20° gol stagionale, facendo riassaggiare alla Roma la speranza Champions. I giallorossi da metà gennaio sono quelli che hanno raccolto più punti (15), ma per farlo c’è bisogno di un centravanti, che i nerazzurri – perso Zapata – non hanno. Un dato per tutti: nel 2022 nei 5 top campionati europei solo Nkunku (10), Mbappé Lewandowski (9) hanno segnato più di Tammy.

Il clima positivo si percepisce quando Mourinho, come racconta Mancini, alla fine dice scherzando: “In panchina non torno più, visto che senza di me avete fatto 6 punti in due partite“. Molto merito, però, va a ad Abraham che si racconta così. “Questa vittoria per noi significa tanto e alla fine abbiamo festeggiato tanto. Dopo la sconfitta con la Juve è cambiata la compattezza, basta vedere come abbiamo lottato stavolta. Qualche mese fa avremmo preso gol negli ultimi minuti“.

Ormai con la città è amore vero. “Per questa squadra do tutto. Avevo attraversato un momento difficile nella mia carriera e la Roma mi ha dato fiducia. Sono felice di ripagarla“. Aggiunge ancora Mancini. “Se giocassimo sempre così, saremmo primi in classifica. Dopo la partita col Verona ci siamo guardati negli occhi. Stavolta erano tre punti fondamentali per rimanere attaccati al treno Europa. Ora ci siamo. Dobbiamo sbagliare il meno possibile“. Stessa cosa che dice Smalling, il quale chiosa: “Era una partita da 6 punti”. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa