Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma come una Dea

La Roma sfrutta i punti deboli dell’Atalanta e sfoggia una delle migliori prestazioni stagionali

Quando giocano Roma e Atalanta quest’anno la Dea è giallorossa. Come a Bergamo, la squadra di Mourinho tira fuori la migliore versione di sé e porta a casa altri tre punti pesanti nella corsa all’Europa. Dopo anni di sofferenze, ben 8 senza riuscire a battere i bergamaschi in casa, arriva finalmente una vittoria che serve a crederci ancora.

L’1-0 costruito sopra le fondamenta del gol realizzato sull’asse Zaniolo-Abraham e difeso con tattica, testa e cuore lancia la Roma al quinto posto, con l’aggancio agli uomini di Gasperini che devono però recuperare una partita. Da La Spezia a un Olimpico colmo di gioia, in una settimana i giallorossi si mettono alle spalle un periodo di pareggi “tristi” e fanno capire di voler lottare fino in fondo almeno per un posto in Europa League.

È la terza vittoria su tre gare senza Mourinho in panchina, dato che sembrerebbe casuale ma viene il sospetto che, senza di lui a urlare e sbracciarsi a bordo campo, la squadra diventi un po’ meno isterica. Di sicuro l’allenatore stavolta, come a Bergamo, l’ha preparata bene, sfruttando i punti deboli dell’Atalanta che lascia campo a tutti per giocare e chiudendo ogni varco a un avversario diventato nettamente più temibile nella ripresa. Logici e funzionali i cambi dettati dal tecnico al suo staff, collegato stavolta da una sala interna dello stadio.

La Roma ha sofferto un po’ di più quando sono entrati in serie Muriel, Malinovskyi e Boga, ma non ha concesso nessuna occasione chiara ai bergamaschi e ha fallito almeno un paio di chance per chiudere la gara prima di un recupero diventata una battaglia esaltante. Nel fallo volontario di mano da seconda ammonizione di Mkhitaryan c’è l’intelligenza di capire i momenti chiave di una partita e di una stagione: meglio saltare la prossima a Udine ma portare a casa questi tre punti, decisivi per classifica e morale.

Poco prima Massa ha buttato fuori De Roon, anche lui per due gialli, e stavolta è Gasperini a lamentarsi un po’ di più dei “fischi” come accade sempre a chi perde. Ma nel conto delle ammonizioni ce n’è qualcuna che non torna ai danni della Roma, che ha meritato di vincere e ora si proietta con la testa più libera all’impegno europeo di giovedì in casa del Vitesse. Lo scrive Il Tempo.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa