Resta in contatto

Rassegna Stampa

Riconquistare Mou. Oliveira, Maitland, Viña: la Roma chiama

I nuovi acquisti e l’esterno uruguaiano ora sono chiamati a dimostrare il loro valore

Il cuore di Mourinho è uno spazio accogliente ma scomodo al tempo stesso: vi si accede con una dedizione totale e vi si esce per trascuratezza evidente. Dopo la disfatta con il Bodo, ad esempio, alcuni giocatori non si sono più ripresi e sono dovuti andare a cercare fortuna altrove. Kumbulla no. Il difensore ha riconquistato la fiducia persa del mister e in qualche modo, potrebbe fare da Virgilio in quel viaggio in purgatorio che aspetta tre giocatori che parevano avere le stimmate dei protagonisti nella Roma. Trattasi di Sergio Oliveira, Ainsley Maitland-Niles e Matías Viña. Il trio giallorosso attende la sfida contro il Vitesse, una ghiotta occasione per riprendersi titolarità e fiducia di Mou.

Oliveira è stato un fuoco di paglia. Almeno sino ad oggi. Ha donato subito due gol in altrettante partite di campionato, si è inserito negli schemi alla perfezione però poi c’è stato un appannamento imprevisto. Per il momento è in prova, anche perché a luglio la Roma deve riscattarlo. Discorso diverso quello legato a Maitland Niles. A sinistra l’inglese non ha convinto, soprattutto in fase difensiva. Così, dopo le prime due partite, il suo minutaggio è andato sempre più a calare, fino a non vedere neppure il campo contro Spezia e Atalanta. Non è un caso che radio mercato stia tornando a parlare di Dalot del Manchester United. Infine Viña. Il terzino è stato acquistato in estate per 13 milioni neppure rateizzati, avendo il compito di non far troppo rimpiangere Spinazzola. Nelle ultime 6 partite Viña è andato in panchina 4 volte e contro l’Atalanta, Mou gli ha preferito il baby Zalewski. Insomma, adesso il terzino dovrà riguadagnare posizioni in fretta se non vorrà salutare in estate. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa