Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Dopo l’incubo del 6 a 1 la Roma ritrova il Bodo ai quarti di Conference

Doppia sfida contro i norvegesi che può valere la semifinale di Conference

Ancora tu, ma non dovevamo vederci più”. Questo celebre verso di Lucio Battisti ci viene in soccorso per descrivere lo stato d’animo della Roma di Mourinho, una volta appreso che l’avversario nei quarti di finale di Conference League sarebbe stato il Bodø/Glimt. Eh sì, esattamente la sorpresa della competizione, in grado di rifilare in terra norvegese un clamoroso 6-1 ai giallorossi qualche mese fa. Un’umiliazione storica che fece infuriare i tifosi al seguito e lo Special One, che quella sera bocciò in maniera definitiva diversi elementi, che ora non fanno più parte della Roma. Andata il 7 aprile in Norvegia, il ritorno all’Olimpico il 14: in caso di vittoria, si affronterà in semifinale la vincente della sfida tra Leicester e PSV.

La sinistra sensazione che ha accompagnato il sorteggio lascia spazio ad un’analisi più razionale: i norvegesi hanno venduto i loro migliori giocatori a gennaio (Botheim, Berg, Lode e Bjorkan), la trasferta non arriverà sotto i fiocchi di neve e non ci sarà spazio per il turnover, in campo andrà la Roma migliore. La squadra giallorossa, che al momento fatica ad esprimere un gioco riconoscibile, sembra aver trovato la sua dimensione difensiva. Lo scrive La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa