Resta in contatto

Rassegna Stampa

La grinta di Mourinho: “Abbiamo carattere e io voglio solo vincere”

Lo Special One vuole vincere il derby

Da Lisbona a Roma, c’è un viaggio sentimentale da compiere, assai più lungo dei 2.500 chilometri che le dividono. Per ciò che lo riguarda, José Mourinho ci ha messo trent’anni per metabolizzare un percorso da derby che lo ha portato attraverso le stracittadine di Portogallo, Inghilterra, Italia e Spagna. Città diverse, stili diversi.

In comune, quasi sempre, c’è stato il fatto di aver dovuto rivestire il ruolo di condottiero di una tifoseria, che non avrebbe mai accettato la sconfitta. Ciò che conta, d’altronde, è mantenere uno spirito che oscilli tra la leggerezza (ieri, in preconferenza, canticchiava) e le ruvidezze (quelle riservate a Zeman e il poco elegante conto alla rovescia dopo ogni domanda). Impressioni? La tensione dello Special One, stavolta, è più alta di ciò che si crede.

“Partite del genere danno sempre qualcosa in più delle altre. Non faccio graduatorie. Tutti sono passionali. Quando lo gioco non lo faccio pensando a me stesso, ma a quelli che storicamente danno sangue, da quando sono nati, cioè i tifosi. Ora gioco per quelli della Roma. Il primo è stato il derby di Lisbona, ma per me adesso ormai sono tanti ora, alle emozioni sono abituato, In ogni caso, dopo due anni di pandemia, sarà un ambiente più bello. Il calcio senza tifosi non è calcio e il derby senza tifosi non è derby“.

Proprio per questo stavolta la necessità di lottare, così come da iconografia più tradizionale. Tra l’altro, alla luce dei risultati riafferrati, la capacità di lottare non manca. “Questa squadra ha una caratteristica che mi fa pensare come un risultato migliore sia sempre possibile fino alla fine“. Il gioco, per il tecnico, sembra quasi un accessorio. Per questo replica con superbia alle critiche “estetiche” di Zeman. “Uno con 25 titoli non può rispondere a uno con due Serie B. Se mi si parla di Trapattoni o Capello bene, però Zeman…”.

Accantonando il palmares, ciò che conta è la sfida di oggi. Così Mourinho innanzitutto ufficializza la disponibilità di Pellegrini (“che non è al meglio, ma giocherà“), mentre non proferisce parola sulla scelta più complessa, cioè quella di esterno di fascia sinistra.

Teoricamente può scegliere fra Zalewski, Vina, El Shaarawy e anche Maitland-Niles, ma saranno i primi tre a disputarsi il posto. In difesa, invece, c’è Kumbulla in lieve vantaggio su Ibanez, mentre in mediana c’è Oliveira che insidia uno tra Cristante e Mkhitaryan. Davanti, tocca a Zaniolo dimostrare tutta la sua voglia, perché il posto assicurato ormai non l’ha più nemmeno lui. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa