Resta in contatto

Amarcord

Amarcord, 2 aprile 1991: la Roma vola in finale di Coppa Italia battendo il Milan (VIDEO)

La Roma, dopo lo 0-0 dell’andata, passa il turno ed accede alla finale di Coppa contro la Sampdoria. Il gol arriva grazie alla deviazione dell’olandese

Il 2 aprile del 1991 la Roma batteva il Milan di Sacchi 1-0 nella semifinale di ritorno di Coppa Italia.
Dopo il pareggio a reti bianche dell’andata a San Siro, la Roma ospita i rossoneri allo stadio Olimpico per cercare di conquistare la finale del torneo. La partita, non facile per la Roma, vista la caratura dell’avversario, resta equilibrata per i primi minuti di gioco. Il Milan si divora un’occasione ghiottissima con Massaro che non centra lo specchio dello porta, lasciata inviolata da Cervone; la Roma ne approfitta e tenta di suonare la carica.

Al 24′ arriva il gol, decisivo per la vittoria dei giallorossi: sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Desideri, la palla carambola sui piedi di Carboni che, da fuori area, fa partire un missile che colpisce l’anca di Marco Van Basten, deviando la palla quel tanto da non permettere a Rossi di intervenire. La Roma è in vantaggio, ma la partita è ancora lunga. Nella ripresa il Milan affonda il piede sull’acceleratore, andando vicinissima al gol del pareggio. Complice uno straordinario Cervone, che in diverse occasioni compie il miracolo, la porta romanista resta imbattuta. La gara termina con la vittoria della Roma, che accede così alla finale di Coppa Italia: la competizione sarà poi vinta dagli stessi giallorossi, grazie al 4-2 contro la Sampdoria.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord