Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 12 aprile 2014: la Roma batte l’Atalanta 3-1 (VIDEO)

I giallorossi si impongono sui bergamaschi grazie alle reti di Taddei, Ljajic e Gervinho. Il gol della bandiera orobica lo sigla Migliaccio

Il 12 aprile del 2014 la Roma si imponeva sull’Atalanta con un sonoro 3-1. I giallorossi, secondi in classifica dietro una Juve ormai lanciata verso lo scudetto, ottengono 3 punti utili per tentare di ribaltare gli esiti del campionato. Gli uomini di Rudi Garcia partono forte, e al 13′, arriva subito il vantaggio giallorosso: Dodò riesce a tenere in campo un pallone sul filo della rimessa dal fondo, Totti cerca il pallone di petto ma non lo trova; dalla distanza arriva Rodrigo Taddei, che con una fucilata di destro, infila la palla alle spalle di Consigli.

Il pallino del gioco resta nei piedi dei giallorossi, che al minuto 44 trovano anche il gol del raddoppio: solita discesa di Gervinho sulla fascia sinistra, l’ivoriano passa a Totti che con un pallonetto serve De Rossi sull’altra corsia. Il numero 16 giallorosso regala il pallone a Ljajic, che da pochi metri non sbaglia. Nella ripresa l’Atalanta prova a scuotersi, trascinata sopratutto dal suo capitano Denis; la Roma però ha fame di gol e di vittoria, e al 63′ Gervinho trova il gol che spegne definitivamente le possibilità di recupero dei nerazzurri: dalla destra Totti passa a Ljajic che serve Gervinho sul filo del fuorigioco. Il tu per tu dell’ivoriano con Consigli è una sentenza, ottava rete in campionato per l’attaccante ex Arsenal.

Nel finale di partita la Roma potrebbe rendere più tondo il risultato, ma il palo sul tiro di Ljajic dice di no al possibile 4-0. Al 79′ arriva il gol della bandiera bergamasca, firmato da Migliaccio. La Roma vince e si porta a 5 punti dalla Juventus, forte della partita in più rispetto alla Juventus.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord