Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Pellegrini: “Questa squadra ha carattere. Lavoriamo per accorciare il gap con le prime”

Al termine della gara ha parlato ai microfoni di Sky Sport il capitano giallorosso Lorenzo Pellegrini: le sue parole

Lorenzo Pellegrini ha parlato ai microfoni di Sky Sport dopo l’accesso della Roma alla semifinale di Conference League. Ecco le sue dichiarazioni:

Avevi ragione alla fine dell’andata, ma non era facile. Dovevate gestire la parte tecnica ed emotiva, siete stati bravi.
“Si possono dire tante cose sulla nostra squadra, dal mio punto di vista possiamo migliorare in tante cose, ma non si può dire che quando c’è da tirare qualcosa in più non lo fa. Sono contento e soddisfatto, avevo detto la scorsa volta che ero fiducioso. Sapevo che sarebbe stata difficile, ma che potevamo far bene”.

Ti dà fastidio che si parli di poca qualità di questa squadra?
“Sì, secondo me se devo essere sincero si parla tante volte di bel gioco ma fine a se stesso. A noi piace il bel gioco finalizzato, cerchiamo di farlo al meglio”.

Siete un gruppo forte e con bravi giocatori. Dopo il primo anno sarà giusto essere esigenti per voi? Con 2-3 ritocchi la squadra deve lottare per Champions e scudetto?
“Penso che sia fondamentale non correre troppo…”

Non sembrano così distanti le prime.
“Assolutamente, lavoriamo per questo. La prima cosa che il mister ci trasmette, al di là che sia esigente con noi, è che ci sta insegnando ad essere esigenti con noi stessi. Questo è fondamentale per un giocatore e un uomo che vuole migliorarsi”.

Molte volte hanno inquadrato Totti in tribuna. Hai avuto modo di ricevere consigli da lui? Come sta cambiando la responsabilità di essere capitano di questa squadra per te? Cosa significa per te?
“Non è una cosa semplice da spiegare in due parole, è un po’ la storia di una vita. Quello che provo a far tutti i giorni di spiegare ai miei compagni è quello che vivo portando questi colori sulla mia pelle. La cosa che mi piace più di tutti è che questa squadra non manca mai negli appuntamenti importanti, questo vuol dire grande responsabilità”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra