Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Amarcord

Amarcord, 21 aprile 1955: 67 anni fa nasceva Toninho Cerezo (FOTO)

Nato a Belo Horizonte, in Brasile, con la maglia della Roma 104 presenze, 25 reti e due Coppe Italia

Toninho Cerezo nasce a Belo Horizonte, in Brasile, il 21 aprile del 1955 e compie oggi 67 anni. La sua prima squadra è l’Atletico Mineiro dove debutta nel 1972 e vi resta fino al 1983 vincendo 7 campionati e venendo premiato due volte come miglior giocatore brasiliano.

Cerezo posa insieme a Falcao e Liedholm al suo arrivo nella capitale.

Nel 1983 su segnalazione di Falcao arrivò alla Roma che cercava un centrocampista, dotato di enorme dinamismo e generosità viene accolto dal tecnico Liedholm e gioca tre grandi stagioni, vincendo 2 Coppe Italia nel 1984 e nel 1986 (segnò in finale), sfiorando uno scudetto perso all’ultimo nel 1986 e arrivando alla finale di Coppa Campioni persa ai rigori contro il Liverpool.

Il gol di Cerezo nella finale di Coppa Italia del 1986.

Viene ceduto alla Sampdoria, dove continua su alti livelli, perdendo un’altra finale nel 1992 a Wembley contro il Barcellona. Con i blucerchiati vinse uno scudetto, il primo della squadra genovese nel 1991, una Coppa delle Coppe nel 1990, altre 2 Coppe Italia e una Supercoppa Italiana.

Cerezo, con la maglia della Sampdoria, contro la Roma.

Tornò in Brasile per chiudere la carriera. Con la nazionale brasiliana ha giocato 74 gare segnando 7 reti. Ha allenato in Brasile, in Giappone, in Arabia e negli Emirati. Recentemente ha frequentato, insieme ad Amantino Mancini, il corso da allenatore di prima categoria a Coverciano.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Amarcord