Resta in contatto

Rassegna Stampa

Fattore Olimpico: Mourinho vuole tutto

La Roma si gioca la stagione in casa

Al massimo della forza mentale nel momento in cui si decide tutto. La Roma sta mostrando la sua migliore versione nel rush finale della stagione e vuole mettere le mani su due obiettivi. Quinto posto in campionato e, soprattutto, un trofeo: la Conference League adesso non è un sogno ma un obiettivo concreto. Il piano di Mourinho, passato per fasi iniziali complicate, si sta rivelando efficace. Ed è lui prima di chiunque altro dentro la Roma a fiutare l’occasione enorme. Un allenatore che, più di ogni collega, si annoia ad allenare la squadra durante le amichevoli e si esalta ad aprile-maggio, quando la pressione si alza e lui si sente a suo agio.

A Leicester il tecnico portoghese aveva una serenità diversa rispetto a tanti altri. Si respirava tensione e concentrazione nella squadra e nello staff, lui sfoggiava invece la serenità tipica dell’uomo navigato. Sorrisi a poche ore del match fuori dallo stadio, saluti agli amici, autografi e selfie concessi a un gruppetto di un centinaio di fan che lo aspettavano fuori dal King Power Stadium a fine match: romanisti, interisti, inglesi, tutti impazziti per uno scatto con Mou. Sembrava una pop star al termine di un concerto, invece era l’allenatore che sa farsi amare da quasi tutti. E nelle ultime settimane sembra essere riuscito a trasmettere ai giocatori un’energia mentale diversa. Come se avesse fatto entrare nello spogliatoio il fomento di una città che sogna di festeggiare finalmente un “titolo”.

Ma almeno fino ad oggi, è una pressione positiva. “Giovedì sarà come una finale a Roma – ha detto Mourinho nel post-partita di Leicester – per loro non fa differenza giocare in casa o fuori, per noi sì: avremo i nostri 70mila tifosi a spingerci e se ci fossero stati posti sarebbero venuti in 300mila”. Per la semifinale di ritorno lo stadio è sold-out dal primo giorno di vendita dei biglietti, in realtà ci saranno in tutto circa 62mila spettatori, compresi i 3500 inglesi in arrivo. E lo stadio sarà pieno anche domani contro il Bologna: in via di esaurimento la scorta di tagliandi messi in vendita grazie all’apertura di parte del settore ospiti dell’Olimpico ai sostenitori giallorossi. Una voglia di Roma pazzesca. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa