Resta in contatto
Sito appartenente al Network

L'angolo dell'avversario

Les Ferdinand (ex Leicester): “Con Mourinho e l’Olimpico, la Roma è favorita”

L’intervista all’ex delle Foxes in vista del ritorno di Conference contro la Roma

Ferdinand, che idea si è fatto della partita di andata?

Non ho visto la gara di giovedì, ma ho rivisto le immagini. Ovviamente è un buon risultato per la Roma. Credo loro avessero messo in conto di non tornare in Italia con una vittoria e penso sia un punteggio molto positivo dopo la gara.

Il grande dubbio per le Foxes sarà l’impiego di Vardy dal primo minuto…

Jamie è stato fuori dalla squadra quasi tutta la stagione causa infortunio. Sono certo che il Leicester senza di lui ha perso parecchi gol. Rodgers sa che, quando un giocatore è fuori per molto tempo, ha bisogno di alcune gare per ritrovare ritmo. Probabilmente lo ha fatto giocare più di quanto potesse all’andata, se non partirà dall’inizio mi aspetto possa entrare a gara in corso nel match di ritorno a Roma.

La pressione dell’Olimpico può mettere in difficoltà il Leicester?

Non sono sicuro che i calciatori inglesi possano soffrire la pressione dell’Olimpico giovedì, ma è una semifinale decisiva per la stagione, perciò la pressione sarà grande e andrà affrontata da entrambe le squadre. Bisogna giocare al massimo per raggiungere il risultato. C’era qualche dubbio su Abraham e il suo addio alla Premier, ma penso che stia molto bene a Roma e che ami giocare lì.

Chi va in finale?

Reputo che la Roma sia favorita per la finale, gioca in casa, davanti al suo pubblico. Hanno Mourinho, che ha giocato diverse finali in carriera. Sarà il maestro contro il suo allievo Rodgers: sarà una battaglia entusiasmante, vinca il migliore!

(Teleradiostereo)

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da L'angolo dell'avversario