Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Cosmi: “Mkhitaryan perdita importante. Stasera non sarò allo stadio, andrò a Tirana”

L’ex allenatore ha parlato della sfida tra Roma e Leicester

Serse Cosmi è intervenuto ai microfoni di Sky Sport per commentare la partita di questa sera tra Roma e Leicester. Ecco le sue parole:

“Sono andato spesso a vedere la Roma, ma preferivo festeggiare il mio compleanno con la famiglia. Andrò a Tirana.

Mkhitaryan è uno dei giocatori con più esperienza internazionale, sono convinto che il miglior Mkhitaryan sia un calciatore di grandissimo livello, è una perdita consistente. Se ci fosse stato il Veretout degli anni passati e quello che si è intravisto nelle ultime partite avrebbe giocato lui. È un giocatore che ha dimostrato tanto, ha una qualità enorme oltre a essere un ottimo giocatore, che va spesso a fare gol, un po’ come Mkhitaryan e Pellegrini, o Cristante sulle palle inattive. La Roma è la squadra con i centrocampisti che più facilmente trovano il gol. Se i calciatori hanno un’annata storta a colpa è sempre loro”.

La Roma e Mourinho sono andati alla ricerca di una squadra che interpretasse una maniera di giocare che è quella del portoghese, una maniera di vivere le partite, le vittorie e le sconfitte. Lui è andato alla ricerca di quella Roma che trovava solo parzialmente e questo lo faceva impazzire, pensava che il momento giusto fosse alla partita successiva, o anche nella stessa partita. La Roma è stata coerente e costante in una situazione emotiva, quando si parla di stato d’animo è difficile parlare di qualcosa di orizzontale, che si diluisce nel tempo con semplicità, sono sempre alti e bassi. È riuscito a dare questa impronta. Di conseguenza il suo non è un appello, è una riflessione che mi vede d’accordo. Anche i tifosi aspettano  tanto queste partite al punto che quando ti trovi lì sei inibito, c’è una maniera di comunicare alla squadra non in linea con quella che è l’emozione e la magia che devi creare. È stato bravo a dire ai tifosi di venire a giocare”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News