Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Pizzarro: “Mou è una garanzia. Ora la coppa va sollevata”

Le parole dell’ex giallorosso: “Il suo lavoro vale doppio”

Intervistato dal Corriere dello Sport, David Pizzarro ha parlato della Roma. Di seguito le dichiarazioni dell’ex centrocampista giallorosso.

Pizarro, si è goduto la Roma in finale di Conference League: è sorpreso? 
“Era importante centrare questo traguardo dopo una stagione più di bassi che di alti. È un piazzamento importante, soprattutto per il lungo digiuno che ha la Roma da trofei. Ora però la Coppa va sollevata”.

Quanto ha contato fino ad oggi l’effetto Mourinho? 
“Tanto, forse tutto. Mou è una garanzia, la storia parla per lui. Però all’inizio ha trovato le stesse difficoltà di chi lo ha preceduto e la Roma, per scelte economiche, non ha potuto costruire la squadra che lui aveva in mente. Per questo il suo lavoro vale doppio”.

Si aspetta una Roma “distratta” a Firenze? 
“Le energie nervose fanno spesso la differenza. Figuriamoci in pieno finale di stagione. Questo per dire che la Roma, dopo la festa di giovedì, ha certo perso qualcosa. I giallorossi si giocano tutta l’annata nella finale di Tirana e sono convinto che oggi la Fiorentina potrà fare lo scatto decisivo per l’Europa”.

Ancora tre turni poi il Feyenoord: da chi si aspetta qualcosa in più nella Roma?
“Vi sorprenderò ma dico Veretout: mi è dispiaciuto vedere la sua poca continuità e mi piacerebbe che nelle ultime gare venisse fuori tutto il suo talento: è un giocatore di sostanza e qualità, che in una squadra come la Roma ha già dimostrato di poter stare”.

48 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

48 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News