Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Turnover o no? Ora va scelta la gestione verso la finale

Cosa fare con Venezia e Torino? Chi farà giocare Mourinho?

La Gazzetta dello Sport – Adesso il grande dubbio è: cosa fare con Venezia e Torino? Già, perché la sconfitta di ieri con la Fiorentina rimette tutto in discussione per la qualificazione all’Europa del prossimo anno. Con un risultato positivo al Franchi Mourinho nelle ultime gare si sarebbe potuto permettere quello che non ha potuto invece fare ieri.

E, cioè, dare respiro e riposo a quei titolari che hanno tirato la carretta fino ad oggi, risparmiandoli in vista della sfida del 25 maggio a Tirana, in Albania, contro il Feyenoord, quando la Roma si andrà a giocare la Conference League. Adesso però la sconfitta di ieri complica maledettamente tutto.

La cosa più importante è raggiungere il quinto posto in campionato”, aveva detto prima della partita Rick Karsdorp. Ed aveva ragione, perché l’obiettivo del club, dell’allenatore e della squadra era proprio questo, finire alle spalle delle squadre che hanno strappato il pass per la Champions League.

Obiettivo che adesso sembra assai più complicato, considerando i tre punti di svantaggio sulla Lazio e l’ammucchiata con Fiorentina e Atalanta. Ma se con il Venezia ci si può porre anche dei dubbi e magari schierare ancora molti dei titolari (tranne Mancini, squalificato) per andare a caccia di una vittoria fondamentale, visto che alla finale mancheranno ancora 11 giorni, il vero punto interrogativo è cosa fare con il Torino, quando alla gara di Tirana mancheranno pochi giorni? Lì Mourinho chi farà giocare?

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa