Resta in contatto

Le pagelle di Siamolaroma

PAGELLE – Roma-Venezia 1-1: una laguna di rimpianti, Shomu di rabbia

La Roma

 

RUI PATRICIO  6

Beffato dal tocco di Okereke. Per il resto della gara è uno spettatore non pagante.

KUMBULLA  6

Un tempo di concentrazione e convinzione.

SMALLING  6,5

Blackout dopo 50 secondi, poi non passa più nessuno.

IBANEZ  6-

Una buona partita, con una sola sbavatura.

MAITLAND-NILES  6

Un tempo dove prova a spingere e trovare il vantaggio, anche con un suo tiro.

CRISTANTE  6,5

Sempre nel vivo del gioco, tocca un milione di palloni e uno lo scaraventa in porta. Peccato la traversa non sia d’accordo.

VERETOUT  5

Non trova la posizione o non ha la condizione giusta, forse non ha più la giusta convinzione. Siamo al capolinea.

SPINAZZOLA  6

Un tempo dove dà tutto quello che può dare. Sprint, cross e qualche tiro in porta. Bentornato a casa, Spina.

PELLEGRINI  6,5

Corse, rincorse, assist, punizioni e due traverse. Partita da capitano infinito, ma la sorte non è dalla sua parte.

CARLES PEREZ  5,5

Prova a dare il suo contributo, tante giocate ma anche tante chances vanificate da un tocco di troppo.

ABRAHAM  5,5

In attesa di un pallone che non arriva mai.

KARSDORP  6

Ci prova, con la corsa e con la voglia. Ma nessuna giocata ha gli effetti speciali.

ZALEWSKI  6,5

Entra bene, punta costantemente l’uomo, fornisce diversi palloni e prende una traversa clamorosa.

EL SHAARAWY  6

Qualche strappo interessante, un tiro a giro che sembrava finire dentro. Pungente, come sempre gli accade quando entra a gara in corso.

SHOMURODOV 6,5

Finalmente un ingresso incisivo, tacco per Pellegrini e gol che vale ancora la vita, in termini di orizzonti europei.

VOLPATO 6

Il tocco di pallone è da giocatore di qualità.

MOURINHO  5,5

Un punto con il Venezia in due gare. Un rendimento poco Special, ma all’andata c’era Aureliano, al ritorno la Fortuna assolutamente nemica. Serata maledetta.

 

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Le pagelle di Siamolaroma