Resta in contatto

News

IFAB, ufficiale: diventa permanente la regola delle cinque sostituzioni

Il presidente della FIFA Gianni Infantino ha presieduto una riunione dell’IFAB: i cinque cambi diventano permanenti

Oggi l’IFAB ha tenuto una riunione, presieduta da Gianni Infantino, capo della FIFA. Sul tavolo la regola dei cinque cambi, introdotta dopo l’emergenza Covid. Tramite il comunicato seguente, l’IFAB comunica che, da temporanea, la regola diventa permanente:

A seguito di una richiesta della FIFA nel maggio 2020 per proteggere il benessere dei giocatori durante la pandemia globale, l’IFAB ha introdotto un emendamento temporaneo che offre alle principali competizioni nazionali e internazionali la possibilità di consentire alle squadre di utilizzare fino a cinque sostituzioni. Questa disposizione è stata prorogata più volte. Nella riunione odierna, l’IFAB ha accettato le raccomandazioni dell’ABM, la riunione dei comitati consultivi calcistici e tecnici (FAP-TAP) e il forte sostegno dell’intera comunità calcistica, affinché questa opzione sia introdotta in modo permanente nelle Regole del Gioco 2022/23. Confermata l’attuale limitazione delle tre sostituzioni più l’intervallo“.

Non solo le cinque sostituzioni: la riunione dell’IFAB ha discusso anche altri temi. Sempre dal comunicato ufficiale si apprende Che i membri hanno deciso di aumentare da 12 a 15 il numero massimo di sostituti nominativi elencati nella scheda della squadra a discrezione dell’organizzatore della competizione”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News